Recensione Libro “Amin, che è volato giù di sotto”

Mi ero avvicinata un poco di più, circospetta, e mi ero accorta che quello che mi sbarrava la strada non era un grosso sacco della spazzatura ma qualcosa di meno informe e insieme più familiare. Forse un uomo.
Recensione Libro “Amin, che è volato giù di sotto”

Prezzo: € 10,00

Di cosa parla “Amin, che è volato giù di sotto” di Nadia Morbelli

Dalle prime pagine di “Amin, che è volato giù di sotto” della scrittrice Nadia Morbelli si capisce che il romanzo che abbiamo davanti non è un classico giallo, di quello che rispetta l’impostazione tipica delle indagini.

“Amin, che è volato giù di sotto” è un giallo fuori dall’ordinario, in cui la protagonista è una redattrice allegra e stravagante che si metterà a indagare in prima persona.

Un giorno Nadia, dopo esser uscita tardi dalla redazione, mentre cammina per un carrugio, viene attratta dalla vista di un sacco della spazzatura molto grande. Avvicinandosi si rende conto che rannicchiato per terra c’è il cadavere di un ragazzo.

Inizialmente crede che il giovane, che suppone possa essere un clandestino, si sia suicidato, ma non si accontenta e dopo aver avvertito le forze dell’ordine, comincia la sua indagine che la porterà inevitabilmente a trovarsi nei guai.

Nadia Morbelli nel romanzo “Amin, che è volato giù di sotto” coinvolge il lettore con un personaggio brillante e un’indagine svolta con una punta di follia. Il libro intelligente e coinvolgente spinge il lettore a indagare accanto alla protagonista per scoprire la verità sulla morte del ragazzo.

La bravura della scrittrice Nadia Mobelli sta nel riuscire a utilizzare un linguaggio scoppiettante che non lascia per nulla indifferenti già dalle prime battute, conducendo il lettore a proseguire il romanzo per giungere all’appassionante finale.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!