Recensione Libro Annientamento

La nostra missione era semplice: continuare l’indagine governativa sui misteri dell’Area X, muovendo lentamente in avanscoperta dal campo base.
Recensione Libro Annientamento

Prezzo: € 16,00

Di cosa parla Annientamento di Jeff Vandermeer

Annientamento è il primo libro della Trilogia dell’Area X scritto da Jeff VanderMeer e pubblicato dalla casa editrice Einaudi. Questo primo volume ha rivoluzionato il modo di scrivere di fantascienza raccontando di una Natura che si ribella, mettendo in atto la sua guerra contro l’uomo.

Annientamento è un libro di non facile lettura, lo scrittore Jeff Vandermeer, infatti, ha utilizzato un linguaggio che sarebbe più congeniale a un romanzo di narrativa, con ricercatezze e frasi brevi che soprattutto nelle prime pagine della Trilogia dell’Area X spiazzano.

Però, nonostante si resti disorientati dalla scrittura, dalla mancanza di nomi attribuiti ai personaggi della storia e in alcuni casi dall’atteggiamento algido della sua protagonista, si viene rapiti dalla storia. Una storia fuori dall’ordinario e piena di dettagli incomprensibili, chiariti dopo un po’ di pagine, se non nei capitoli successivi.

Questo è un libro che piace tanto alla critica e molto meno ai lettori comuni che, ispirati da una copertina stupenda, direi futurista per l’editoria italiana, hanno acquistato Annientamento pensando di trovarsi dinanzi al classico romanzo fantascientifico.

Invece questo primo capitolo della Trilogia dell’Area X è qualcosa di diverso, che non si può classificare né spiegare facilmente in una recensione.

La trama è svelata da subito, o per lo meno l’intento del progetto del governo che chiama in causa quattro ricercatrici per esplorare l’Area X, un luogo in cui sono avvenuti dei fenomeni naturali incontrollabili e insoliti di cui si vuole conoscere la portata e prevenire successive degenerazioni.

Prima delle quattro ricercatrici sono partiti per l’Area X altre undici spedizioni, ma nessuno degli esaminatori ha fatto mai ritorno, se non in maniera parziale, portando alla realtà quotidiana il corpo, ma non la mente e l’anima.

Scoprendo lentamente il mondo ignoto dell’Area X, il pathos crescerà senza tregua, insinuando sotto pelle anche una certa ansia perché assieme alle ricercatrici si entrerà in una luogo che appare come la cavità di un corpo umano, fatto di tessuti, sangue che pulsa, ossigeno e membrane.

Il lettore sarà spiazzato completamente dalle riflessioni di una delle donne, entrando in confusione con lei che non riesce a capire quanto di vero ci sia e quanto ogni visione dipenda dalla distorsione di una mente sotto pressione.

Sarà difficile, come per la protagonista, fidarsi delle altre donne, di cui una, l’antropologa, sparisce nel nulla e un’altra, la psicologa, sembra nascondere segreti oscuri.

In Annientamento per buona parte del libro, il nemico sembra non esserci, solo con il tempo si capirà che la Natura sta realizzando il suo atto di ribellione verso l’umanità dichiarandogli guerra.

La Natura diventa più forte dell’uomo, si ciba della sua individualità, scombina gli equilibri senza permettere che siano gli altri a farlo e diventa il nemico da cui l’umanità si deve proteggere.

Annientamento è un libro complesso, un romanzo fantascientifico rivoluzionario, che non mi sentirei di consigliare a lettori giovani o a persone che preferiscono letture leggere.

Questo primo capitolo della Trilogia dell’Aria X di Jeff VanderMeer o piace o probabilmente viene abbandonato, ma al di là di ogni considerazione personale è un libro dall’idea colta e arguta.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!