Recensione Libro “Canto di Natale 2020” di Tom Breakwater

Ci vuole, ogni tanto, qualcuno che ti racconti chi sei e che ti faccia vedere le cose da un'altra angolatura Jack, da un'altra prospettiva. Rischi di pensare che la tua sia l'unica, quella vera.
Recensione Libro “Canto di Natale 2020” di Tom Breakwater

Prezzo: € 9,90

 

Di cosa parla “Canto di Natale 2020” di Tom Breakwater

Il libro “Canto di Natale 2020” di Tom Breakwater è un romanzo per ragazzi dai 13 anni in su, che proietta il personaggio originario del “Canto di Natale” di Dickens nel 2020, in una chiave di lettura moderna.

Jack, protagonista del romanzo, è un uomo che è diventato molto ricco grazie alla gestione di un sito utile all’organizzazione di viaggi.
Il sito organizza e pubblicizza tutti i servizi, da ristoranti ad hotel, a mezzi di trasporto, indirizzando le persone alla scelta di questa o quella offerta.
Questa attività nasce insieme a un suo amico, Tom, il quale, deceduto, lascia tutto a Jack.

E così, il “validoJack”, diventa una persona molto facoltosa, sembra non dover pretendere null’altro dalla vita, pare avere tutto; non solo la ricchezza materiale, ma anche il fascino, la sua capacità di possedere un volto per ogni occasione e non tradirsi mai con forti emozioni, l’abilità di apparire sempre forte, un uomo tutto d’un pezzo.

Ma anche a chi ha il controllo apparente su tutto, a volte sfugge qualcosa.
E quando qualcosa sfugge, può risalire a galla qualche “fantasma” dal passato, costringendoti a guardarti allo specchio, a chiederti perché a Natale non c’è nessuno intorno a te, e a domandarti come sarebbe spendere i tuoi soldi per rendere felice qualcuno con un piccolo regalo, e non per perdersi nell’alcool.

E per Jack, i “fantasmi” dal passato, arrivano per farlo riflettere; inizia a chiedersi il perché della gioia natalizia, perché la gente ami così tanto questa festa e perché lui sia così estraneo a tanta bellezza.
In uno dei “dialoghi” con uno dei suoi “fantasmi del passato”, Jack inizia a rendersi conto di quanto per lui le “prospettive degli altri” non abbiano mai contato nulla.

Iniziare a vedere se stessi con altri occhi, aiuterà Jack a percepire il mondo diversamente, in una serie di episodi che lo vedranno protagonista e, insieme, “vittima” di se stesso.

“A volte ho pensato che ci credessi anche tu, a tutte le cazzate che racconti […] tu sei sempre quello che ne sa una in più… e lo fai in quel modo.. che sembra che tu faccia un piacere agli altri, rimanendo lì.
E invece sei tu che hai bisogno della conferma degli altri. Hai bisogno dei loro sguardi adoranti, […] hai bisogno che credano nella tua storia, Jack… perché hai bisogno di crederci tu.”

Il testo di “Canto di Natale 2020” di Tom Breakwater è un modo per invitarci a guardare noi stessi e tutto il resto con una visuale un po’ più ampia, senza chiuderci a riccio per paura di guardare oltre.

Recensione scritta da Rossella Borneo

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!