Recensione Libro Christian il leone

Ci ha guardati fissi per qualche secondo, poi si è avvicinato lentamente per vedere meglio. Continuava a fissarci. Era magnifico e lì, visto dal basso, sembrava anche più grosso. Non siamo riusciti a trattenerci e lo abbiamo chiamato: lui ha cominciato immediatamente a correre verso di noi. Brontolando di eccitazione, questo enorme leone ci è saltato addosso, ma in maniera molto delicata.
Recensione Libro Christian il leone

Prezzo: € 16,50

Di cosa parla Christian il leone di Anthony Bourke e John Rendall

Nel libro Christian il leone di Anthony Bourke e John Rendall viene narrata la vita del leone Christian, la cui storia ha affascinato persone di tutto il mondo e il cui video su Youtube, apparso per la prima volta nel 2008, è stato visto da più di un milione e quattrocento utenti.

Cosa ha reso così celebre questo splendido esemplare di “re della savana”?

Tutto è iniziato nel 1969 quando due ragazzi di Londra, John Rendall e Anthony Bourke, entrano per caso da Harrods, noto centro commerciale, famoso non solo ai londinesi ma anche alla miriade di turisti che visitano la capitale inglese ogni anno, per la vendita di qualsiasi cosa, dagli abiti ai gioielli, da oggetti di lusso ad animali esotici.

John e Anthony non sono decisi a comprare nulla ma quando, nel reparto animali, si imbattono in due cuccioli di leone, vengono come folgorati da quegli occhi grandi e dolci.
Dopo aver scoperto che la femmina è già stata venduta, capiscono che l’unica cosa giusta da fare è prendere il leoncino maschio con loro.

Accudito e mantenuto per circa un anno, Christian cresce felice con i suoi due “genitori adottivi”, i quali non gli fanno mancare proprio nulla, ma ben presto risulta chiaro che tenere un leone in casa non è cosa semplice e lo spazio di cui esso necessita non è adeguato.

Il destino vuole che, un giorno qualunque, Bill Travers e Virginia McKenna, gli attori protagonisti del film Nata libera, che narra le vicende di Elsa, la leonessa tornata a vivere nella natura grazie a Joy e George Adamson, entrino nel negozio di mobili dove i due ragazzi lavorano e notino lo splendido animale.

La proposta di Bill, dopo aver conosciuto la storia di Christian, è chiara è limpida: fare in modo che il leone raggiunga l’Africa e venga reintegrato nella natura da George Adamson.

Così, a un anno di età, Christian vola con i suoi genitori adottivi e i coniugi Travers in Kenya, nel Parco Nazionale di Kora, dove ad attenderli vi è George Adamson, il più celebre naturalista di quei tempi. Per diversi anni, George si occupa del nuovo arrivato e, nonostante le difficoltà iniziali, il loro piano si rivela efficace.

L’evento forse più significativo di tutta questa storia risulta essere l’incontro tra John e Anthony con Christian, dopo quasi un anno di separazione. Ignari della reazione del leone, ormai abituatosi alla savana e alla vita in Africa, ma confidanti del fatto che lui li riconosca, i ragazzi si avvicinano a lui e, con grande stupore di tutti, Christian fa altrettanto.

Il momento di incontro fra loro è stato un evento che ha commosso milioni di persone e ha dimostrato quanto il re dei felini sia intelligente e ricordi gli affetti passati. È risaputo, ormai, che, in linea di massima, qualsiasi animale cresciuto sin dalla nascita con l’essere umano consideri quest’ultimo un suo simile, rispettandolo senza danneggiarlo.

Christian ed Elsa ne sono due esempi lampanti. Tuttavia, è bene ricordare che gli animali selvaggi sono pur sempre creature la cui vita è fortemente legata alla natura e non all’uomo.

Gli autori, John Rendall e Anthony Bourke, oggi si dividono tra Sidney e Londra partecipando a numerosi progetti ambientalisti, facendo parte di associazioni come la Royal Geographical Society. Il loro libro Christian il leone è celebre in tutto il mondo e da esso è stato tratto un documentario sulla vita a Londra dei due ragazzi e l’integrazione di Christian nel continente africano.

Recensione scritta da Margherita Acs

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!