La donna della panchina
La donna della panchina

Recensione Libro Come fossi solo di Marco Magini

Prima ancora che la televisione bombardasse le nostre case con le differenti interpretazioni dell’accaduto, prima che ognuno si facesse un’idea a proposito, furono i volti di quei soldati che mi convinsero a non partire per combattere una guerra nella quale non credevo.
Recensione Libro Come fossi solo di Marco Magini

Prezzo: € 14,00

Di cosa parla Come fossi solo di Marco Magini

Il libro di Marco Magini Come fossi solo, pubblicato dalla casa editrice Giunti, non è semplicemente stato finalista al Premio Calvino 2014 ricevendo la menzione speciale della giuria, ma è tra i finalisti del Premio Strega 2014.

Al di là del risultato che Come fossi solo raggiungerà scontrandosi con dei colossi della letteratura italiana quali Francesco Piccolio e Antonio Scurati, questo libro merita un’ottima presentazione.

Lo scrittore Marco Magini non solo in questa sua opera affronta un argomento importante e non molto approfondito come la guerra in Jugoslavia, ma lo fa in modo da fornire tutti gli elementi necessari affinché il lettore possa farsi un’idea personale.

La capacità di Magini è di raccontare la storia da più punti di vista. Quello di Drazen, un ragazzo che a vent’anni decide di arruolarsi e combattere, senza credere nell’ideologia che muove solitamente chi va in guerra, ma solo per l’esigenza di lavorare, guadagnare e sfamare la sua famiglia.

Inferno

L’altro punto di vista è quello di Dirk, un olandese che fa parte dei caschi blu dell’ONU, in missione a Srebrenica per portare aiuto, ma che dovrà mettere in discussione il suo ruolo in quel luogo e assistere inerme al massacro di un popolo.

E l’ultimo punto di vista, esterno, ma che subirà comunque le conseguenze di questo terribile conflitto, è quello di Romeo Gonzales, giudice dell’Aia chiamato a esprimere la sentenza nei confronti di Drazen, il ragazzo volontario nell’esercito serbo, che pur non volendo alla fine ha ucciso una settantina di persone e ha confessato il massacro.

Alla fine della storia narrata di Marco Magini, il lettore potrà prendere posizione sull’accaduto e chiedersi lui come avrebbe agito nei panni di ognuno dei protagonisti del libro “Come fossi solo”.

Quel che appare certo, forse l’unica cosa sicura tirando le somme, è che in quel luogo “l’unico modo per restare innocenti era morire”.

Come fossi solo è un libro che va letto sicuramente, anzi assolutamente. Una storia che sprona le persone a capire cosa viene celato durante le guerre, cosa si è costretti a subire durante queste lotte legate al potere, e quanto ogni individuo a suo modo possa essere colpevole anche se a quella guerra non ha mai partecipato.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!