Recensione Libro “Come gocce di sale e di vento”

Te lo racconto solo perché so che non puoi rispondermi e rimproverarmi di essere orribile.
Recensione Libro “Come gocce di sale e di vento”

Prezzo: € 15,00

Di cosa parla “Come gocce di sale e di vento” di J. Courtney Sullivan

Il libro “Come gocce di sale e di vento” della scrittrice statunitense J. Courtney Sullivan, edito dalla casa editrice Garzanti, è stato votato dai librai indipendenti americani come il miglior romanzo del 2011.

A raccontare la stessa storia da prospettive diverse sono quattro donne: Alice, la più anziana di tutte, madre e nonna che appare come una donna glaciale, tagliente, che non si è mai sentita realizzata nel crescere i suoi figli e custodisce più di un segreto dentro di sé. Kathleen, la figlia maggiore, preferita dal padre e trascurata dalla madre, dopo il divorzio non riesce a smettere di bere, fino a quando incontra l’uomo della sua vita. Maggie, la figlia di Kathleen, ha bisogno di capire cosa vuole e aspetta un bambino da un ragazzo con cui non fa altro che litigare, un ragazzo che l’ha lasciata prima di sapere del figlio. E poi Anne Marie, la nuora, una donna che appare perfetta e che Alice preferisce alle figlie.

Una casualità fa ritrovare le quattro donne nello stesso luogo ad affrontare la vita con le proprie debolezze e il proprio coraggio a proprio modo, mentre i segreti di Alice lentamente si svelano al lettore.

Le quattro donne protagoniste del romanzo “Come gocce di sale e di vento” si mostrano nel finale del libro per quelle che sono, dando la possibilità al lettore di interpretare diversamente i comportamenti avuti fino a quel momento. Le donne diventano finalmente loro stesse, senza paura di svelarsi e tutto appare meno complesso di quello che è.

“Come gocce di sale e di vento” di J. Courtney Sullivan è un libro che ci mostra come i rapporti siano complicati e ingarbugliati per cose non dette, per ferite non rimarginate, per la pausa di venire allo scoperto. Un romanzo che ci fa odiare e ammirare ognuna delle donne di cui leggiamo, per la loro testardaggine, la loro fragilità, per l’orgoglio e la presunzione, per l’amore che mettono in tutto quello che fanno o non fanno.