Recensione Libro “Deceptio – L’inganno”

I soci fanno di noi carne da macello e, se avanza qualche ossicino, lo succhiano avidamente. Siccome però c’è sempre chi sta messo peggio, al nostro servizio ci sono i praticanti.
Recensione Libro “Deceptio – L’inganno”

Casa editrice

Parallelo45 Edizioni

Prezzo: € 12,00

Di cosa parla “Deceptio – L’inganno” di Pietro Macchiarella

“Deceptio – L’inganno” di Pietro Macchiarella è un libro interessante, che ritrae la realtà lavorativa di un luogo competitivo in cui ogni persona cerca la strada più corta per affermarsi utilizzando tutte le armi che ha, persino quelle che non sarebbero tollerate.

Ludovico è il protagonista del romanzo “Deceptio – L’inganno”. Il giovane avvocato prova a trovare la sua collocazione a Milano, un posto che oltre a non conoscere per nulla, si rivela piena di insidie e di contraddizioni. Milano è una città che per un forestiero come Ludovico ha continue sorprese, ma che poi ti fa fare anche i conti con il traffico e il rumore.

Nello studio in cui lavora ogni cosa sembra possibile, tanto che Ludovico percepisce una mancanza di valori e un arrivismo eccessivo. I colleghi si buttano in questa folle corsa per arrivare, facendo l’impossibile per farsi notare da un socio dello studio, l’uomo che sembra essere il più potente fra quelle mura.

Non è semplice per Ludovico riuscire a integrarsi e a trovare il suo posto in quella situazione, ma forse quello che più gli manca è avere una donna al suo fianco con cui condividere i momenti difficili e quelli positivi.

“Deceptio – L’inganno” di Pietro Macchiarella è un romanzo che sembra non lasciare nulla al caso. Lo scrittore, infatti, analizza l’ambiente in cui si trova a vivere Ludovico, mostrando i lati deboli e meschini, ma non si esime dall’entrare nella testa del suo protagonista, per cogliere aspetti che lo riguardano in modo più intimo. Inoltre si scopre una realtà losca legata alla finanza internazionale che porta il lettore da un continente all’altro a contatto con situazioni ai più, sconosciute.
E probabilmente l’ultima frase del libro di Macchiarella è il riassunto perfetto del romanzo.

L’aspetto più interessante del libro “Deceptio – L’inganno” è la luce che lo scrittore Pietro Macchiarella indirizza sulle relazioni di sfruttamento e di subordinazione che in questo caso si creano tra le scrivanie degli studi di avvocati, ma possiamo ritrovare in molti ambienti di lavoro.