“… di un fiore di Venus” di Mauro Montacchiesi

Una delle poesie di Mauro Montacchiesi con cui lo scrittore si è aggiudicato il secondo posto per la Sezione "Poesie edite e inedite" del Concorso Letterario "Autore di te stesso" 2012 organizzato da Recensione Libro.it.
“… di un fiore di Venus” di Mauro Montacchiesi

Una delle poesie di Mauro Montacchiesi con cui lo scrittore si è aggiudicato il secondo posto per la Sezione “Poesie edite e inedite” del Concorso Letterario “Autore di te stesso” 2012 organizzato da Recensione Libro.it

… di un fiore di Venus

Lentamente lascio calare le palpebre.
La mia mente inizia la sua catabasi,
inizia a percorrere le profonde, tortuose anse,
dei segreti, impenetrabili sentieri del mio labirinto.
La mia mente non vede, la mia mente ha percezioni
oggettivamente icastiche di quella realtà che non vede.
La mia mente ha percezioni sinestetiche
del buio che non vede, del freddo che non sente,
dell’umidità che non la penetra.
Poi, disperatamente, nel fondo del mio labirinto,
percepisce una botola che si disintegra,
una botola che la fa precipitare ancora più giù,
oltre quel fondo che credeva invalicabile confine,
centripetata da un maelstrom,
che la risucchia, nella percezione di un bènthos
e lì, paradossalmente, in un caleidoscopio di metazoi,
vede, sente, s’inebria di un fiore di Venus,
blandito da tèpide acque.
Questo simbolo di amore eterno,
ha ridato speranza alla mia mente,
che vagava in una brughiera di superficie,
che è colata a picco,
che non ha toccato il fondo soltanto perché è andata,
attraverso, oltre il fondo,
che è stata centripetata da un maelstrom,
per scoprire, per capire,
che ovunque, che inopinato, si può trovare l’amore.