Recensione Libro Etica dell’acquario

Ero io, che avevo cercato di dimenticare tutto, che ero scappata senza voltarmi indietro e mi ero inventata una vita che non volevo pur di non dover più pensare a lei e a tutto quello che me la ricordava, ero io la sua colpevole.
Recensione Libro Etica dell’acquario

Prezzo: € 15,00

Di cosa parla Etica dell’acquario di Ilaria Gaspari

Al suo debutto nel mondo dell’editoria con la casa editrice Voland, la scrittrice Ilaria Gaspari con il suo libro Etica dell’acquario attira l’attenzione della critica.

Un noir che sin dalle prime pagine ci fa intendere che accadrà qualcosa da un momento all’altro, che c’è un che di oscuro che aleggia sulla storia e che coinvolge più personaggi.

I vari protagonisti del romanzo Etica dell’acquario sono ragazzi cresciuti, ormai adulti e differenti da ciò che erano, che dopo aver condiviso tanti anni felici e complicati all’università di Pisa hanno preso la loro strada che li ha portati distanti gli uni dagli altri.

Gaia, al centro della storia, è una donna non più felice, estrema, dalle varie sfaccettature, che dopo dieci anni trascorsi lontani dalla sua città vi fa ritorno a causa della morte di Virginia, sua compagna di studi.

Non è la sola a rientrare a Pisa, anche gli altri amici vi fanno ritorno perché chiamati a fornire informazioni utili sulla vittima, che è morta lasciando tanti dubbi da risolvere agli inquirenti. La donna si è suicidata o c’è qualcosa su cui bisogna indagare per scoprire la verità?

Questa sarà l’occasione per far ritrovare gli amici di un tempo, per portare a galla ricordi assopiti dagli anni di distanza, per rivivere emozioni che non sembravano più possibili.

Forse Gaia sa più di quello che ha fatto intendere, forse vecchie ossessioni non si sono mai placate, forse tanti dettagli non vanno trascurati… e poi l’ipocrisia non si può nascondere per sempre.

Ecco che quel mondo lontano che sembrava rivivere solo nei ricordi mostra la sua vera essenza di acquario, come se all’interno tutto fosse in sospensione, come se molti fossero i segreti da celare e fuori la vita scorresse con un ritmo e una realtà diversa.

La normalità che appare nelle prime pagine del libro Etica dell’acquario svanisce dopo poco, quando sarà proprio Gaia a essere tenuta d’occhio per la morte di Virginia, una ragazza non molto amata né capita, con cui la protagonista sembra non avere tanto feeling.

In questo libro pare che il filo che congiunge le storie sia l’ossessione, quella che non trova rimedio e che si diffonde come un’eco.

Etica dell’acquario è un noir intrigante, pieno di spunti psicologici interessanti, a tratti un po’ lento, ma dalla trama per la maggior parte atipica, nel senso buono, in cui c’è spazio per la fragilità dell’animo umano ma anche per la follia della mente.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!