Recensione Libro “Eyes”

Come un attore truccato. Così sono io. Posseduto per scelta da altrui esistenze. Tutto per compensare un enorme vuoto, per non vedere quanto priva di senso sia divenuta la mia esistenza.
Recensione Libro “Eyes”

Prezzo: € 14,50

Di cosa parla “Eyes. L’identità e lo sguardo” di Fabio Orefice

Il libro “Eyes. L’identità e lo sguardo” di Fabio Orefice è un romanzo proiettato nel futuro, ma non troppo lontano e non del tutto differente dalla nostra realtà, soprattutto per le percezioni e le sensazioni che si provano. E’ un percorso che conduce alla ricerca della propria identità.

Il protagonista di “Eyes. L’identità e lo sguardo” utilizza il suo sguardo per tenere sotto controllo ed osservare tutto ciò che avviene attorno a lui, seziona tutto quello che ha davanti, parte da se stesso, va a fondo nei sentimenti, li sviscera, li rivive per cercare ispirazione, per scrivere. Per rubare dal mondo circostante utilizza dei cyber-occhiali, che gli danno la prospettiva degli altri.

Ma quello che risalta dal libro “Eyes. L’identità e lo sguardo” è che rubare il punto di vista degli altri può essere molto pericoloso, crea dipendenza e mette nei guai, conduce in una realtà fatta di omicidi, di intrighi politici, di spionaggio.

Però attraverso gli occhi di un altro si può vedere ciò che ci sfugge di noi stessi e il protagonista vive gran parte del suo tempo attraverso i ricordi e la passione per la sua compagna scomparsa. Lei gli mostrava i suoi punti deboli e il suo valore e lui si sente dipendente ancora una volta. Forse qualcuno, forse una donna, riuscirà a tenerlo con i piedi per terra ed anche se la nuova arrivata sa giocare molto bene è un modo per staccarsi da un ideale, da qualcosa che non c’è più se non nella mente.

Il romanzo fantastico “Eyes. L’identità e lo sguardo” dello scrittore esordiente Fabio Orefice è complesso, ben strutturato e tocca temi importanti quali la globalizzazione, il potere mediatico, il controllo illimitato della politica sul mondo. Orefice pone l’accento sul ruolo dello sguardo, quello che penetra, che spesso va oltre, che dilaga nella vita altrui, che ruba.

Ma “Eyes. L’identità e lo sguardo” è soprattutto una presa di coscienza, una messa in discussione, una riflessione ad alta voce fatta dinanzi allo specchio. La realtà in cui vivono i protagonisti del romanzo fa solo da sfondo alle vicende personali, che sono poi quelle interiori.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!