Recensione Libro Fattore Z

Ciò che lei vede è buio. Ciò che lei sente è silenzio. Ciò che lei tocca è nulla. Ciò che lei gusta è scialbo. Ciò che lei respira è vuoto. Ciò che lei vive… è morte.
Recensione Libro Fattore Z

Prezzo: € 15,00

Di cosa parla Fattore Z di Alessandro Casalini

Il romanzo Fattore Z di Alessandro Casalini è stato pubblicato dalla casa editrice Sillabe di Sale. Un thriller che, pagina dopo pagina, fa crescere gli interrogativi coinvolgendo in un gioco che pare voglia portare al massacro, un enigma da sbrogliare prima che il tempo sfugga di mano.

Il lettore viene subito catapultato nella storia con il suo ritmo incalzante che ricorda il ticchettio veloce della lancetta dei secondi; il paragone non è casuale.

Il romanzo, infatti, ci presenta quattro persone completamente diverse tra loro che si trovano in una stanza. Su una parete bianca c’è un contatore da cui inizia inarrestabile il conto alla rovescia.

Incontriamo subito Padre Santo, prete missionario alla costante ricerca della chiave di lettura data dalla fede, Zoe malata terminale di AIDS, Nick, un’ex rockstar con il cervello in pappa e dipendente dal sesso, e infine Pam, una bella scienziata con un quoziente intellettivo inusuale.

Insomma quattro personaggi bizzarri e molto differenti tra loro che sembrano provenire da pianeti diversi. Ci troviamo in una storia tipo Cube o Saw l’enigmista, davanti alla follia di un reality, di un gioco ad alta tensione o è un esperimento?

Sicuramente se lo chiederà ogni lettore di fronte a Fattore Z, ma soprattutto se lo domandano i protagonisti di questa vicenda per cercare di capire in che assurdità sono finiti, il perché e dove condurrà tutto questo.

I quattro hanno bisogno di vederci chiaro, di farsi un’idea di ciò che sta accadendo e per scoprire se c’è qualcosa che li lega, un motivo che li ha resi protagonisti di questa follia, decidono di iniziare partendo dalle loro storie.
Padre Santo, Nick, Pam e Zoe si raccontano cercando di andare a pescare ciò che solitamente si lascia in fondo, ciò che si finge di dimenticare o si ha la necessità di non far più riaffiorare.

I protagonisti di Fattore Z si raccontano ma intanto il tempo passa, i numeri del contatore si avvicinano sempre più allo zero e non si trova una risposta.

La storia si fa sempre più enigmatica, è chiaro che c’è un mistero da scoprire, qualcosa che li ha fatti diventare i prescelti per quest’avventura, ma cosa e chi gestisce i fili di quella messa in scena?

E poi c’è quello schermo che inizia a mandare dei filmati che riguarda le vite dei protagonisti… e fa riaffiorare dolori, pentimenti, dubbi, errori.

E poi c’è Zoe che lentamente si mostra e fa capire di possedere qualcosa di fondamentale. Forse questo gioco inspiegabile è qualcosa di serio, qualcosa che riguarda molte più persone di quante immaginiamo.

Fattore Z di Alessandro Casalini è un romanzo in cui lo scrittore dimostra le sue indubbie qualità creative. Un libro ben architettato, che pecca solo di qualche refuso. La suspense cresce con lo scorrere delle pagine e la voglia di scoprire il mistero aumenta il desiderio di arrivare alla fine della storia.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!