Recensione Libro “Heidi” di Johanna Spyri

Ma è meglio che tu resti qui, sui tuoi monti, con tuo nonno e con tutte le persone che ti amano. In città potresti di nuovo ammalarti. Però voglio chiederti una cosa: se un giorno dovessi ammalarmi io, che sono solo, ci verresti a vivere con me?
Recensione Libro “Heidi” di Johanna Spyri

Prezzo: € 11,00

Di cosa parla “Heidi” di Johanna Spyri

Il libro “Heidi”, scritto da Johanna Spyri è una delle storie per ragazzi che ha riscosso maggior successo e da cui sono stati tratti numerosi cartoni animati e film.

Il romanzo di Johanna Spyri, pubblicato nel 1880, racconta la storia di Heidi per l’appunto, una bambina rimasta orfana, che viene affidata alle cure del nonno che vive sulle montagne in Svizzera.

Il nonno è un uomo introverso, solitario, che vive su un monte isolato dal resto; un individuo che appare burbero e non propriamente adatto ad allevare una bambina. Nel corso della storia, però, la figura del nonno diventa principale e Heidi potrà fare completo affidamento su di lui e sul suo amore.

La maggior parte del tempo Heidi lo trascorre tra l’erba e i fiori, aiutando il nonno a mungere, a pascolare e a compiere tutte le attività che un buon pastore deve saper fare. Heidi però non impara a leggere e a scrivere, soprattutto per volere del nonno che teme la contaminazione della purezza e della libertà della bambina.

Dopo qualche anno, la zia decide di portarla a Francoforte in Germania, dove inizierà un percorso totalmente differente.

Qui Heidi non solo imparerà a leggere e a scrivere, ma avrà modo di trascorrere le sue giornate insieme ad altre persone, tra cui Klara, quella che diventerà la sua migliore amica, una bambina costretta sulla sedia a rotelle a causa della poliomielite. Heidi in questa nuova casa in cui è accolta dovrà sottostare alle ferree regole della signorina Rottenmeier, colei che si occupa dell’educazione di Klara.

L’allegria e la spensieratezza di Heidi sono messi a dura prova da questa nuova vita in città: rimpiange continuamente la vita tra le sue amate montagne e con l’amico Peter. Con il tempo inizia a non mangiare più e a essere colta da una malinconia fortissima, tanto che il dottor Classen capendo il motivo di tanta tristezza consiglia di rimandare la bambina dal nonno.

Ciò che risalta maggiormente leggendo il libro di Johanna Spyri è il netto contrasto che viene ben evidenziato tra la vita di campagna e quella di città, alla fine dell’Ottocento, in cui c’è l’industrializzazione, ma anche numerosi problemi da affrontare.

Leggendo il romanzo “Heidi” di Johanna Spyri si possono approfondire anche argomenti di rilievo e non solo la vita della sua protagonista, poiché nel libro si parla anche di analfabetismo e di lavoro minorile.

Nel libro “Heidi” non solo sono affrontati vari argomenti importanti per la società del tempo, ma la storia risulta essere per molti aspetti diversa da quella che tutti abbiamo imparato a conoscere grazie al cartone animato. Questo è un motivo in più per leggere il romanzo di Johanna Spyri.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!