Recensione Libro “Ho scelto! Teorie e pratiche delle scelte universitarie a Perugia” di Federico Batini

Il futuro influenza il presente tanto quanto il passato.
Recensione Libro “Ho scelto! Teorie e pratiche delle scelte universitarie a Perugia” di Federico Batini

Prezzo: € 23,00

Di cosa parla “Ho scelto! Teorie e pratiche delle scelte universitarie a Perugia” di Federico Batini,  Livia Buratta, Silvia Fornari e Chiara Pazzagli

L’orientamento è un insieme di teorie, metodi e pratiche che si è occupato dei momenti di transizione di un soggetto. Oggi, in una società dove sono presenti velocità di cambiamenti e grande abbondanza di informazioni, anche l’orientamento ha perso la sua prima funzione, ovvero quella di accompagnare un soggetto verso le scelte più significative: una scelta è un momento in cui si prende una direzione e se ne abbandonano altre.

Si tende infatti ad assegnare all’orientamento più la funzione di favorire lo sviluppo di competenze di auto orientamento. Il soggetto diventa così protagonista della propria vita, capace di affermare il proprio ruolo nella vita compiendo scelte.

Il volume “Ho scelto! Teorie e pratiche delle scelte universitarie a Perugia” di Federico Batini, Livia Buratta, Silvia Fornari e Chiara Pazzagli comprende complessivamente 138 pagine. Dopo aver indicato brevemente i cambiamenti recenti riguardo l’orientamento, viene presentata una ricerca svoltasi da un campione non probabilistico di studenti appartenenti al primo anno dei diversi corsi di laurea della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Perugia e un altro campione costituito invece dagli studenti dell’ultimo anno delle scuole Secondarie di secondo grado del territorio perugino, ai quali è stato somministrato un questionario.

La numerosità complessiva del campione era di 358 soggetti, (193 afferenti al gruppo di studenti della scuola secondaria e 165 invece al gruppo dell’Università). L’età media dei sottogruppi si colloca sui 18.38 per il gruppo della Secondaria e 20.83 per quello dell’Università.

Per integrare i dati quantitativi emersi i ricercatori si sono avvalsi anche del “Focus Group” grazie a dieci partecipanti, scelti in maniera casuale tra gli appartenenti al gruppo Universitario che avevano dato la disponibilità a partecipare.

Analizzando le trascrizioni complessive, le note sul campo e gli appunti degli osservatori si è potuto rilevare una maggiore importanza attribuita all’esperienza personale rispetto alla scelta effettuata, di quanto fosse emerso dai questionari. Il confronto intra-gruppo ha fatto perciò maturare una differente concezione di orientamento e si è potuto notare anche la netta insoddisfazione dei ragazzi nei confronti delle pratiche di orientamento attuali alle quali devono far fronte.

La ricerca si era interessata delle dinamiche della scelta Universitaria, tentava di esplorare grazie a un campione così composto, i processi, le influenze e le motivazioni alla decisione dei ragazzi che avevano compiuto la scelta universitaria e di quelli invece che si trovavano nella condizione di dover compiere una determinata scelta.

La lettura di “Ho scelto! Teorie e pratiche delle scelte universitarie a Perugia” di Federico Batini, Livia Buratta, Silvia Fornari e Chiara Pazzagli è consigliata ai ragazzi e ragazze affinché le loro scelte possano essere molteplici e felici, nella speranza che al timore, all’insoddisfazione e all’ansia si sostituisca la soddisfazione della creazione di un progetto di senso e significato per la costruzione del loro futuro.

Recensione scritta da Benedetta Proietti

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!