Recensione Libro Hyperversum Next

Hyperversum era tornato a essere solo un videogame. La porta si era chiusa per sempre. Ian e Marc erano rimasti là. Che ne era stato di loro? Alex se l’era chiesto spesso eppure non aveva mai osato aprir il libro miniato da cui avrebbe potuto avere tutte le risposte.
Recensione Libro Hyperversum Next

Prezzo: € 16,00

Di cosa parla Hyperversum Next di Cecilia Randall

Premetto che è sempre un piacere sapere che un gran bel libro di successo è stato scritto da un’italiana, in questo caso parliamo di Cecilia Randall e della trilogia Hyperversum, pubblicata qualche anno fa appassionando tantissimi lettori e che ha venduto ben 180.000 copie.

Il 13 gennaio 2016 la casa editrice Giunti, per la gioia dei lettori che attendevano con ansia un nuovo libro di Cecilia Randall, ha pubblicato Hyperversum Next, il sequel di Hyperversum, un romanzo Young Adult.

Se avete letto i tre capitoli precedenti della trilogia questo libro di sicuro sarà più avvincente, ma questo romanzo, Hyperversum Next, potete leggerlo anche se non sapete di cosa stiamo parlando.

Il prequel è ambientato in parte, in un futuro prossimo. Protagonista della storia è Alexandra che dopo aver preso un brutto voto a scuola è costretta, dal padre, a studiare rinunciando al suo appuntamento tanto sognato con Brad. Ma Alex non ci sta e cerca il suo modo di ribellarsi al padre, così va nella sua biblioteca e inizia a combinarne una delle sue, buttando per aria tutto quello che trova a tiro, fino a che da un libro antico non trova per caso un biglietto con una password.

Va al computer e accede all’unico programma istallato, si tratta di un videogioco, di cui il padre va pazzo, ambientato nel Medioevo: Hyperversum Next. Per poter giocare bisogna creare un avatar e lanciarsi verso nuove avventure. Quelle di Alex si svilupperanno a Clois, in Francia, nel 1233.

Dopo pochissimo dall’inizio del gioco il suo avatar assiste a un omicidio e lei dovrà scappare cercando di attingere quante più informazioni possibili dalla sua testa per ricordare qualcosa del Medioevo e salvarsi la pelle. Essendo un testimone scomodo, Alex viene inseguita da alcuni uomini e lei, per sua fortuna, incontra Marc, figlio del Falco del Re, un ragazzo che deve scontare una punizione per non aver obbedito alle regole del padre.

Insieme vivranno quest’avventura folle, rinchiusi all’interno di un videogioco che attraverso il suo 3D mostra quanto la realtà e la finzione siano separati da un filo spesso quasi invisibile. Alex, infatti, non riesce a trovare il modo per tornare indietro, come fosse inghiottita da Hyperversum Next.

La straordinarietà di questo romanzo, che cattura dalle prime pagine come se diventassimo noi i protagonisti, sta nella capacità della scrittrice Cecilia Randall di far confluire il quotidiano e l’ordinario con qualcosa di straordinario e fuori da ogni logica trovando il giusto equilibrio tra i due mondi.

Attraverso un viaggio magnifico che va al di là del tempo e dello spazio, Alex dovrà fare i conti con i propri limiti e usare tutto il coraggio e l’astuzia di cui dispone per scappare da chi la vuole uccidere e per far ritorno a casa.

Ovviamente in Hyperversum Next non manca il romance, quasi d’obbligo per queste trilogie che oltre ad avere una storia madre, spesso complessa e articolata, deve raccontare anche vicende più frivole e che coinvolgano emotivamente.

Con cura di dettagli e una bella ricostruzione storica, la Randall riesce a fondere vari generi, primo fra tutti il fantasy, con il resto creando una bella miscela esplosiva di fatti e conseguenze.

Il lettore appassionato di storie fantastiche con riferimenti storici e l’innesto di un legame che va al di là dell’amicizia, per quanto si sviluppi troppo velocemente e in modo prevedibile, sarà ben contento di leggere questo romanzo.
Non a caso la trilogia Hyperversum in passato ha venduto 180.000 copie.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!