Recensione Libro “I legami spezzati”

Maia, di ritorno da Fiumefreddo, osservava con rimpianto il paesaggio che stava svanendo, mentre le parole della nonna le riecheggiavano ancora nella mente[...]
Recensione Libro “I legami spezzati”

Di cosa parla “I legami spezzati” di Luisa Colombo

L’avvincente romanzo “I legami spezzati” di Luisa Colombo affronta l’attuale tema del lucroso business della ricerca farmacologica, intrecciandosi con la storia dei protagonisti che trova il suo fulcro proprio nelle indagini per l’omicidio di un giovane ricercatore, compiuto nei laboratori della Farma Muller: un autorevole multinazionale  farmaceutica.

Le forze dell’ordine arrivano sul luogo del delitto assieme alla scientifica e qui fa il suo ingresso la protagonista del romanzo, Maia Parodi, giovane donna avvenente ed enigmatica, in qualità di fotografa ufficiale. Durante i primi controlli la polizia non trova né segni di scasso, né tanto meno l’arma del delitto.

L’indagine, affidata all’ispettore capo Gabriele Coletti, ricostruisce fin dai primi interrogatori un’importante verità: il giovane uomo assassinato faceva parte di un gruppo di ricercatori che sta lavorando a un progetto ambizioso e allettante per il mercato delle multinazionali: una nuova cura contro il morbo di Alzheimer. L’ombra dello spionaggio industriale si allunga sinistra su tutta la vicenda.

La scrittrice Luisa Colombo coordina bene i molteplici affluenti della trama de “I legami spezzati”, sempre in bilico tra l’evoluzione delle indagini e la vita privata della protagonista.

Maia si è gettata anima e corpo nel suo lavoro per dimenticare una storia amara, che tiene gelosamente segreta, elevando la sua attività nella polizia scientifica a fulcro del suo mondo. Ma quando una telefonata la costringe a tornare al suo paese natale, percepisce che i legami del suo passato non sono del tutto spezzati.

La ricerca è il leitmotiv che coniuga i diversi elementi: quella del colpevole nelle indagini, la formula nell’attività di ricerca e, nella vita privata, per Maia e il padre per caso ritrovato durante le indagini, il modo di ricongiungersi e chiarire molti punti del loro legame passato dai contorni confusi. I toni portanti che caratterizzano il romanzo sono:  amore, odio, invidia, desiderio di riscatto e, in modo particolare, la diatriba tra razionalità e sentimento. 

Luisa Colombo racconta una guerra tra case farmaceutiche combattuta sulla pelle delle persone, incastrandola in modo impeccabile alle vicende personali della sua protagonista. “I legami spezzati”, che si è classificata al secondo posto al “Concorso Autore di Te Stesso 2012” nella sezione inedita, è un romanzo ben scritto che cattura l’attenzione e trascina il lettore tra le spire della sua trama.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!