Recensione Libro “Il caso Cartesio”

Se riusciamo a toglierlo di mezzo e magari a far ricadere la colpa sui gesuiti, prenderemo due piccioni con una fava: Cartesio andrà sotto terra e Cristina si arrabbierà a tal punto coi suoi ‘assassini’ da abbandonare per sempre il suo folle proposito di convertirsi.
Recensione Libro “Il caso Cartesio”

Prezzo: € 12,90

Di cosa parla “Il caso Cartesio” di Daniele Bondi

“Il caso Cartesio” di Daniele Bondi è il libro vincitore nella sezione opere edite del Concorso Letterario Nazionale “Autore di te stesso” 2012 organizzato da Recensione Libro.it.

Il thriller “Il caso Caertesio” è un concentrato interessante e arguto di riflessioni filosofiche e ricerche storiche che affascinano il lettore, spinto a comprendere quale verità si celi dietro la vicenda narrata.

Da subito lo scrittore Daniele Bondi accompagna il lettore nel cuore della Storia: Cartesio è stato invitato a Stoccolma dalla regina Cristina di Svezia e si teme la sua conversione al Cattolicesimo, con gravi conseguenze per le alleanze europee se ciò avvenisse. Sono molti quindi quelli che lo vogliono morto.

Questo, però, è solo uno dei motivi per cui Cartesio si è creato molti nemici. Per tanti il filosofo potrebbe non essere morto di malattia.

In molte, se non in tutte le biografie di Cartesio, si legge che il filosofo morì di polmonite, ma sono numerosi gli elementi che fanno mettere in discussione questa spiegazione.
Prima di tutto il fatto che Van Wuller, che è stato accanto a Cartesio negli ultimi giorni della sua vita, abbia elencato dei sintomi che non hanno niente a che vedere con la polmonite.

Cartesio al tempo venne considerato un pensatore scomodo, da molti funzionari statali persino pericoloso, potrebbe quindi essere stato assassinato?
Il generale asburgico Montecuccoli qualche anno dopo l’accaduto viene a conoscenza della verità e prima di morire scrive un documento al Papa rivelando il mistero. Ha bisogno di lavarsi la coscienza.

Il romanzo “Il caso Cartesio” prosegue insinuando dubbi nel lettore sull’accaduto, fino a condurci nel 2009, quando una dottoranda in filosofia riesce a impossessarsi di una parte del manoscritto di Montecuccoli. Sarà a quel punto che la ragazza, volendo approfondire le sue ricerche, si mette in contatto con Thomas Doyle, un noto filosofo di Oxford. Insieme s’impegneranno nella ricerca della verità, per svelare un mistero irrisolto e affascinante.

“Il caso Cartesio” di Daniele Bondi è un thriller coinvolgente, con una narrazione che tiene incollati al libro e un intreccio ben architettato. Non mancano gli spunti interessanti e l’approfondimento di un argomento storico da non sottovalutare.

Il romanzo “Il caso Cartesio” oltre a vincere il Concorso Letterario organizzato da Recensione Libro.it, si è aggiudicato ben 5 premi letterari, mentre lo scrittore Bondi con le sue opere ha vinto 16 premi.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!