Recensione Libro Il club degli incorreggibili ottimisti

La nostra volontà è nulla davanti alle leggi che governano il mondo.
Recensione Libro Il club degli incorreggibili ottimisti

Prezzo: € 18,60

Di cosa parla Il club degli incorreggibili ottimisti di Jean-Michel Guenassia

C’è chi l’ha definito un capolavoro, la maggior parte dei lettori e di chi ha scritto la recensione, chi non è riuscito a finire il romanzo di oltre 700 pagine, ma Il club degli incorreggibili ottimisti di Jean-Michel Guenassia è senza ombra di dubbio un libro che coinvolge e che nel bene e nel male fa parlare di sé.

Divenuto un fenomeno letterario in Francia, il libro ha venduto oltre 200.000 copie, nonostante fosse un romanzo di esordio per Jean-Michel Guenassia che di professione faceva l’avvocato. Il libro, pubblicato in Italia nel 2010 dalla casa editrice Salani, ha vinto il Goncourt des Lycéens, è stato finalista al Prix des Libraires e ha ottenuto il premio dei lettori della rivista Notre temps.

Il club degli incorreggibili ottimisti è ambientato in Francia dopo la Seconda Guerra Mondiale, in un Paese che come la maggior parte di quelli europei è uscito devastato dalla guerra.

Michel, il protagonista della storia, è un bambino figlio di emigranti che guarda al cambiamento osservando il passato e ciò che accadrà, già si avverte un benessere diffuso che coinvolge il popolo e segna l’inizio dell’era del consumismo.

Un giorno il bambino si avvicinerà a un gruppo di giovani incorreggibili ottimisti, ragazzi scappati dai Paesi dell’Est e intellettuali che si riuniscono nel Balto, un bistrò, per parlare di tutto ciò che ha riguardato il mondo e come sia cambiata la vita.

Ogni persona racconta qualcosa di sé e di ciò che ha provato diventando succube della Storia; loro traditi dagli ideali, nella maggior parte dei casi continuano a credere con passione nel comunismo.
Mentre questi uomini si riuniscono in una stanzetta del bistrò, Michel fa le sue prime esperienze crescendo con i suoi amici.

La Grande Storia si intreccia con le vicende personali dei tanti protagonisti di questo libro, giovani che hanno dovuto lasciare il proprio Paese di origine a causa della guerra e ha visto in faccia il dolore e la morte, mentre devastazioni e dittature prendevano piede.

Sono tanti gli uomini tra di loro che non riescono a smettere di odiare e di placare la rabbia, molti quelli che ordiscono segretamente il loro piano di vendetta, perché la lontananza non placa gli animi, neanche a distanza di tempo, quando si subisce un danno che ha segnato indelebilmente la propria vita.

Gli incorreggibili ottimisti nonostante tutto ciò che hanno visto e provato non riescono a smettere di credere nei propri ideali e di essere certi che il mondo possa cambiare in meglio.

Il libro Il club degli incorreggibili ottimisti di Jean-Michel Guenassia sembra avere un doppio volto perché se non si è amanti del genere il romanzo potrebbe apparire eccessivamente pesante, ma comunque essere coinvolti come da un effetto ipnotico dalle parole, però se la Storia appassiona e si vogliono conoscere i sentimenti e i punti di vista di chi pur tradito continua a credere negli ideali, questo romanzo apparirà davvero come un capolavoro che dispiacerà aver finito quando lo chiuderete.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!