La donna della panchina
La donna della panchina

Recensione Libro Il colore della magia

… la settimana del Disco conta otto giorni e il suo spettro otto colori. Sul Disco, otto è un numero dal significato occulto che non deve mai essere pronunciato da un mago. La ragione per cui ciò dovrebbe essere così non è chiara, ma serve a spiegare in parte perché, sul Disco, gli dèi sono biasimati piuttosto che venerati.
Recensione Libro Il colore della magia

Prezzo: € 13,90

Di cosa parla Il colore della magia di Terry Pratchett

Il colore della magia di Terry Pratchett è un romanzo fantasy comico pubblicato nel 1983, che in Italia possiamo leggere grazie alla bella edizione con copertina rigida della casa editrice Salani, ma anche in versione Tea.

Il colore della magia fa parte di una serie intitolata Mondo Disco ed è il primo del Ciclo di Scuotivento.
Mondo Disco è ovviamente una realtà immaginaria, la cui forma è sorprendente: si tratta di un disco sorretto da quattro elefanti, che a loro volta poggiano su un’enorme tartaruga.

Grazie a questa serie Terry Pratchett è considerato uno degli autori più significativi del fantasy, poi con la sua ironia e le sue tante metafore ha conquistato milioni di lettori in tutto il mondo.

Ne Il colore della magia e nei suoi successivi libri, lo scrittore muove forti critiche alla società, ma senza darlo troppo a vedere e soprattutto non prendendosi molto sul serio utilizzando un sarcasmo sottile, a tratti persino impenetrabile.

Protagonista della storia è Scuotivento, un mago incapace, che diventa la guida di un turista, Duefiori, e del suo baule magico, il Bagaglio, pieno di monete d’oro e dei denti aguzzi a difesa del proprio corpo.

I personaggi di questa saga sono davvero folli, inizialmente è persino difficile seguire i loro discorsi e comprendere la loro natura.

Scuotivento, per esempio, è un mago sciocco, incapace persino di laurearsi all’università dei maghi, ma nonostante questa propensione mancante al ruolo che dovrebbe svolgere, si trova sempre protagonista di storie incredibili.

Inferno

Duefiori, invece, ama l’avventura e vorrebbe vivere esperienze uniche, tanto che non si rende neppure conto del pericolo verso il quale si dirige puntualmente, riuscendo comunque a venirne fuori illeso.

I tre protagonisti del libro Il colore della magia sono costretti a scappare, ad affrontare lotte ardue, a trovare le strade meno battute e più difficili per non farsi raggiungere da chi li vuole morti.
Tra ladri, assassini, personaggi bizzarri, paesaggi fantasiosi e corse lungo un mondo pieno di contraddizioni, i protagonisti del romanzo fanno vivere ai lettori una storia che ha dell’incredibile.

Il colore della magia 2Commento al libro Il colore della magia

Per quanto indiscusse siano le capacità narrative di Terry Pratchett, capace di creare realtà fuori dall’immaginazione di qualsiasi lettore, per quanto lo scrittore sia il precursore di un genere letterario che adesso sembra andare molto di moda, il libro ha delle pecche.
Forse poco scorrevole nella prima parte, intriso di tanti dettagli che fanno perdere le tracce della trama principale, non coinvolge come dovrebbe.

Frasi spesso contorte e dialoghi surreali stentano a far decollare il racconto, che ha di positivo un’idea di base davvero geniale, che resta in sospeso, volutamente, per invitare a leggere i capitoli successivi. Il secondo s’intitola La luce fantastica.

Altra nota positiva del romanzo è l’ironia utilizzata dallo scrittore, insieme alle metafore, per svilire la società troppo piena di difetti e incapace di autocritica.

Con questa recensione un po’ negativa non voglio farvi desistere dalle lettura di quello che è considerato un capolavoro del fantasy comico, un best seller che è per altro tanto piaciuto ai lettori. Anzi ho voluto sottolineare gli aspetti che meno mi hanno convinto del romanzo proprio per esaltarne poi le sue qualità e tirare le somme conclusive.

Informazioni
Data recensione
Titolo
Il colore della magia
Punteggio
31star1star1stargraygray

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!