Recensione Libro “Il peso specifico dell’amore”

Possono due anime rivelarsi totalmente affini, predestinate, indivisibili? Che ti manca il respiro se l’altro è lontano, che ogni cosa anche stupida che ti succede non ha senso se non gliela racconti subito, e hai la sensazione che ti manchi un braccio se lui non c’è? È questo il vero amore?
Recensione Libro “Il peso specifico dell’amore”

Prezzo: € 17,00

Di cosa parla “Il peso specifico dell’amore” di Federica Bosco

Da anni ormai non perdo nessuno dei romanzi di Federica Bosco, che con la sua ironia e le sue tragiche verità sulle relazioni, mi fa sorridere, ma anche riflettere sulle vicende che toccano molte donne.

Con il suo ultimo romanzo “Il peso specifico dell’amore” Federica Bosco non si smentisce e torna a massacrare senza mezza misure il mondo maschile, senza però neppure lasciare illeso quello femminile. Insomma ne “Il peso specifico dell’amore” ce n’è per tutti.

Se anche questo libro non è paragonabile ai miei vecchi preferiti della Bosco, tra cui “L’amore mi perseguita” e “101 modi per dimenticare il tuo ex e trovarne subito un altro”, sicuramente la lettura di questo è da considerare un bel passatempo.

Protagonista di questa storia è Francesca, che ha un fidanzato che tutti le invidiano per la sua premura, lui è senza difetti e amorevole, ma con poco carattere. Lei invece lo vorrebbe più deciso, più uomo, e l’unica cosa che la rende contenta di sé è il lavoro, per questo accetta tutte le sfide impossibili che gli lancia il capo della sua casa editrice e fatica senza sosta.

Trascorre il poco tempo libero che ha sul divano con il fidanzato e senza prospettive future si trascina avanti, sapendo che lui non prenderà mai nessun decisione che li riguardi. Passa il venerdì sera con il collega perfetto Alessandro, e l’amica Paola, che cerca in tutti i modi di proteggersi dagli attacchi dell’ex marito che è diventato uno stalker e la minaccia.

Nel lavoro accetta una nuova sfida, aiutare un autore, molto preso da se stesso e con poche idee, a scrivere un libro da Premio Strega. Il compito è sempre più arduo e Francesca non potrà fare altro che piegarsi al volere del suo editore senza perdere mai di vista lo scrittore.

Non è facile mantenere il controllo quando il tuo capo è ignorante e inadatto al lavoro, quando la tua migliore amica rischia la vita per conto dell’ex marito, quando il tuo fidanzato è soggiogato dai desideri della mamma che vanno in contrasto con i tuoi e devi avere a che fare con uno scrittore viziato che si aspetta che il libro glielo scriva tu.

Ma per la protagonista del romanzo “Il peso specifico dell’amore” non è semplice neanche perché ha una madre in una clinica psichiatrica e una zia che fa di tutto per farle saltare i nervi. In questa situazione è normale che si diventi dipendenti del controllo o una maestrina, come spesso le fanno notare le persone.

Tra tutta questa instabilità, Francesca riuscirà a capire cosa vuole da se stessa prima di aspettarsi qualcosa dagli altri? Riuscirà a comprendere cosa sia realmente l’amore? Cosa deciderà di fare con il fidanzato: lo sposerà o lo lascerà?

Non vi voglio rovinare la sorpresa svelandovi il finale de “Il peso specifico dell’amore” di Federica Bosco.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!