Recensione Libro “Il senso di una fine”

Esiste al mondo una cosa più ragionevole di una lancetta dei secondi? Ma a insegnarci la malleabilità del tempo basta un piccolissimo dolore, il minimo piacere.
Recensione Libro “Il senso di una fine”

Prezzo: € 17,50

Di cosa parla “Il senso di una fine” di Julian Barnes

La qualità indiscussa del libro di Julian Barnes “Il senso della fine” è la capacità che ha di indurci a riflettere sul senso del tempo, presente quasi in maniera ossessiva nella mente del protagonista e che spinge inevitabilmente a fare delle scelte e a compiere dei gesti.

Tony Webster vive con tranquillità la sua vita, tra amicizie che sembrano eterne, ma poi in alcuni casi tradiscono e amori che da subito appaiono sbagliati, ma di cui lui non ne riesce a farne a meno. Tutto procede regolarmente fino a quando il protagonista de “Il senso di una fine” riceve una lettera che gli annuncia una strana eredità di cui è venuto in possesso.

Questo evento costringe Tony a fare un passo indietro, nel suo passato, per comprendere le sue relazioni e la motivazione di quell’eredità.
Tra discorsi filosofici, ricordi di momenti passati, disquisizioni sul significato del tempo e il ritorno di un rapporto d’amore che con i suoi strascichi dà un volto ai suoi dubbi, Tony viene immerso in una realtà che mai avrebbe immaginato esistesse.

“Il senso della fine” dello scrittore Julian Barnes è un libro sui segreti, sulla saggezza dell’uomo quando cerca di risolvere le sue debolezze, sulla necessità di ripensare al tempo per carpirne il suo senso. Un romanzo intelligente, profondo, che lascia nel lettore tante domande a cui si cercheranno inevitabilmente risposte.

Il romanzo “Il senso di una fine” si è aggiudicato il “Man Booker Prize 2011”.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!