Recensione libro “L’autore di ricordi”

Forse perché Mario era un sognatore e Sandra assomigliava al suo sogno.
Recensione libro “L’autore di ricordi”

Prezzo: € 13,00

“L’autore di ricordi” di Santolo Taglialatela Scafati

Mario è il protagonista del romanzo “L’autore di ricordi” di Santolo Taglialatela Scafati, che torna nel suo paese natale dopo dodici anni di assenza. L’ingegnere protagonista del libro è un ragazzo taciturno e molto introverso che, deluso dalla mancata realizzazione dei suoi sogni lavorativi, decide di tornare nel suo passato per affrontare il grande fantasma della sua vita.

Dodici anni prima, infatti, Mario era uno studente di ingegneria con la passione per la prosa, la poesia e la chitarra. Suonava in una band con i suoi amici Lucio, Pietro, Guglielmo e Laura, componeva canzoni, poesie e racconti, partecipando a vari concorsi letterari e musicali.

Un giorno, Mario inizia a frequentare la libreria gestita da Sandra, una donna più grande di lui, sposata, che diventa quasi subito la sua musa ispiratrice. Sandra convive con un dolore trattenuto che fa calare un velo sui suoi occhi profondi ma che, allo stesso tempo, ne esalta la profondità e la bellezza. Dopo aver stretto un rapporto di amicizia con lei, Mario inizia a farle leggere le sue poesie. Sandra resta letteralmente folgorata dalla forza delle sue liriche che da questo momento in poi, saranno composte solo per lei.

La storia tra i due protagonisti de “L’autore di ricordi” è di un’intensità che fa male, perché è un qualcosa destinato a restare nel limbo. Mario sa che lei è sposata, che ha molti anni in più a lui e che, per il bene di tutti, non dovrebbe far altro che frenare quella sua attrazione mentale sul nascere. Ma l’amore che il giovane nutre nei confronti di Sandra è così puro, intenso e irrefrenabile che Mario non riesce a controllarlo.

Le sofferenze d’amore di Mario lo costringeranno a prendere una decisione difficile e definitiva, che lo porterà a cambiare la sua vita. Tornerà alle sue radici soltanto dopo dodici anni, per chiudere definitivamente la partita.

Santolo Taglialatela Scafati descrive con molta delicatezza e partecipazione l’amore in una delle sue vesti più dolorose. Da un lato c’è la perfezione di un sentimento che resta intatto e non consumato, dall’altro lo struggimento che deriva da questa privazione. Il romanzo è costellato di poesie molto belle, che hanno il pregio di impreziosire il racconto.

La mancanza di una revisione del testo più approfondita, invece, rende alcuni passaggi poco chiari. Un piccolo neo che, se evitato, avrebbe dato migliore leggibilità e scorrevolezza ad un romanzo appassionante.

Chi è Santolo Taglialatela Scafati

Santolo Taglialatela Scafati è nato a Napoli nel 1978, ma vive nel comasco. Chimico industriale di professione, scrive poesie, canzoni e romanzi. Nel 2009 ha ottenuto il secondo posto al “Premio Lauzi, il poeta per la musica” con il testo “Maria” e, nel febbraio 2010, il secondo posto al Premio Letterario Internazionale “pennacalamaio” indetto dall’Associazione Culturale Savonese ZACEM, con il romanzo “L’Autore di Ricordi”. Ha pubblicato, inoltre, la raccolta di poesie “E’ per il tuo affetto che provo dolore” ottenendo diversi riconoscimenti per le sue poesie.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!