Recensione Libro “L’educazione sentimentale”

Il 15 settembre 1840, verso le sei del mattino, il Ville-de-Montereau, pronto a partire, lanciava grosse volute di fumo davanti al quai Saint-Bernard.
Recensione Libro “L’educazione sentimentale”

Prezzo: € 4,90

Di cosa parla “L’educazione sentimentale” di Gustave Flaubert

Frederic, protagonista de “L’educazione sentimentale” di Gustave Flaubert, si trasferisce a Parigi per condurre studi di legge. Il suo disinteresse nei confronti delle materie, il suo attaccamento ai boulevard e ai salotti borghesi e il suo desiderio di condurre uno stile di vita legato a un’aristocrazia distante dalle sue origini di piccolo borghese, lo distraggono dagli studi.

Pilastri della sua nuova vita sono gli incontri assidui al salotto degli Arnoux. La moglie dell’artista si rivela, sin da subito, l’amore platonico di Frederic.

Dopo una crisi personale ed economica, Frederic riesce a reinserirsi con successo nella cerchia di aristocratica di false personalità e spreco, anche grazie a una cospicua eredità. Da qui inizia il suo vero percorso amoroso: una vera diseducazione sentimentale.

Il protagonista del libro “L’educazione sentimentale” inizia a cedere agli impulsi di ogni donna, che di aristocratico ha solamente i soldi, nonostante sappia di essere profondamente innamorato della signora Arnoux. Vive relazioni lunghe ma ricche di falsità e tradimenti, che non gli danno alcuna preoccupazione, in quanto lo stesso intraprendere una relazione è un tradimento ai suoi veri sentimenti.

Intanto in città il popolo invade e distrugge il palazzo del re proclamando il potere della Repubblica. Frederic in questa fase si dedica passivamente alla battaglia contro la monarchia, preso invece dai suoi sentimenti. Non coltiva alcun genere di carriera, né amicizie, ma è sempre pronto a giudicare ogni realtà, ogni persona, sia pur per non vedere la catastrofe, qual è se stesso.

La sua vita è fatta di picchi di gioia e dolore, rimorsi e fugaci passioni. Si trova più volte sul punto di sposarsi per ereditare un cospicuo patrimonio. La signora Arnoux non si concederà mai a Frederic nonostante sia convinta di amarlo.

Dichiaratisi più e più volte il loro amore, una volta morto il marito della signora lei si ripresenta da lui e si congeda ufficialmente lasciandogli in dono una sua ciocca di capelli. Frederic termina il suo percorso di deformazione, rincontrando Deslauries e palesando, con lui, il fallimento della loro vita e di quella dei loro amici (simbolicamente di tutta l’aristocrazia).

“L’educazione sentimentale” fu scritto da Gustave Flaubert nel periodo compreso fra il 1864 e il 1869 ed era suddiviso in tre parti. Inizialmente l’opera era stata pensata dall’autore come un progetto che faceva convogliare in un’unica storia il romanzo sentimentale e quello dei costumi parigini. Il libro ebbe successo solo in seguito, quando la critica lo considerò uno dei romanzi più convincenti e innovativi dell’Ottocento.

Recensione scritta da Giulia De Acutis

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!