Recensione Libro “La bambola di porcellana”

Qui niente succede come te l’aspetti. Il tempo non esiste, il colore è un raro requisito e, quanto alle piccole venditrici di sogni, non si aggirano certo per le strade di notte… Il tuo nuovo viaggio non è un sogno… La seconda volta, non si sogna più.
Recensione Libro “La bambola di porcellana”

Prezzo: € 12,00

Di cosa parla “La bambola di porcellana” di Maxence Fermine

Chi non ha amato “Neve” di Maxence Fermine? E chi non è contento ogni volta che questo scrittore pubblica un libro? Dopo “La piccola mercante di sogni” l’ultima sua creazione s’intitola “La bambola di porcellana” ed è un libro adatto ai bambini dai 10 anni in su. Anche questo libro è stato pubblicato in Italia dalla casa editrice Bompiani.

Dopo essere tornato dal Regno delle Ombre, il paese immaginario in cui ha conosciuto Lili, la mercante dei sogni, Malo, il protagonista del libro “La bambola di porcellana”, non fa che pensare a lei.

Un giorno, mentre si trova in un luna park a Edimburgo si imbatte in due strani tipi davanti al Palazzo degli specchi. I due sono abitanti di un paese immaginario e pur di incontrare di nuovo la mercante dei sogni, Malo decide di seguirli in quel mondo in bianco e nero, non sapendo che da paese dei sogni si è trasformato in un luogo di tenebre.

Questi due strani uomini che si contendono una bambola di porcellana, lo condurranno attraverso un locale di specchi in un regno oscuro, il riferimento ad “Alice nel paese delle meraviglie” sembra scontato, ma chissà.

Questo luogo è terrificante e capovolge qualsiasi concetto. Malo, dopo essersi perso, trova accoglienza da Sir Luke, un fabbricante di giocattoli brutti messi in esposizione per spaventare i visitatori. Sir Luke incute un certo timore provando un forte interesse per una bambola di porcellana.

A quel punto Malo, non potendo fare molto altro, condivide il suo destino infelice con la bambola di porcellana, che cerca di ritrovare la sua padrona, una bambina che l’ha persa.

Nel libro “La bambola di porcellana” Malo vivrà altre avventure pazzesche e spaventose, in cui avrà modo di confrontarsi con personaggi strani, le sue paure e il desiderio di raggiungere il suo obiettivo.

A rendere completa questa storia narrata da Maxence Fermine ne “La bambola di porcellana” sono le belle immagini che ritraggono scene e personaggi fuori dall’ordinario.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!