Recensione Libro “La bestia non corre”

Ma se nella realtà a volte si è costretti all’omertà dei pensieri, nei sogni niente potrà fermare la rabbia che si porta dentro.
Recensione Libro “La bestia non corre”

Prezzo: € 13,00

Di cosa parla “La bestia non corre” di Piero Cancemi

“La bestia non corre” di Piero Cancemi è un libro dai toni forti, in cui lo scrittore non si nasconde dietro il perbenismo, né si preoccupa di usare un linguaggio comodo. Quello che il protagonista ha da dire, lo dice senza mezzi termini, mostrando se stesso per quello che è.

Riccio, il protagonista del libro “La bestia non corre”, è un ragazzo senza inibizioni, vuole trasgredire in tutti i modi e per farlo si dà al sesso facile e all’uso di droghe. Sembra che non gli interessi di nulla.

Tutte le decisioni prese da Riccio sono dettate dall’impulsività, così come lui ha sempre evitato i compromessi. Dopo una vita movimentata, in seguito alla malattia, si è poi dedicato ad attimi più sereni e ha persino smesso di sperare.

Lo scrittore Piero Cancemi in questo suo libro è come se raccontasse qualcosa di molto personale, di autobiografico, a cui accostasse poi la descrizione di sentimenti e umori utilizzando la veste del romanzo.

Il libro “La bestia non corre” riesce a mettere in risalto, attraverso un linguaggio forte, a tratti volgare, il percorso fisico e interiore di un uomo che si è trovato a dover affrontare una realtà difficile, delicata e inclemente.

Alla fine in certi casi ritorna tutto come prima, perché in fondo si è essere abitudinari, ma c’è chi non accetta di piegarsi alla ripetizione e alla solita quotidianità. Ogni individuo reagisce a proprio modo, ma tutti sono costretti, prima o poi, a fare i conti con se stessi.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!