Recensione Libro La gabbia dei leoni

Che si trattasse di un bisogno di maggiore giustizia e libertà, questo al domatore non sarebbe mai passato per la mente. Egli era così abituato a vedere i leoni obbedire ad ogni suo comando, e la coscienza della sua presunta superiorità su di loro metteva fuori discussione la bontà e l’onestà del suo comportamento.
Recensione Libro La gabbia dei leoni

Prezzo: € 8,00

Di cosa parla La gabbia dei leoni di Emilio Rega

Il libro La gabbia dei leoni di Emilio Rega, pubblicato dalla casa editrice Giovannelli, si è classificato quarto al concorso Il mio caro amico III edizione. Si tratta di un breve racconto per ragazzi che accosta alle parole immagini in bianco e nero.

Lo spettacolo procede come sempre, ma per la prima volta il domatore è preoccupato, un presentimento gli aleggia nella testa nonostante ogni cosa sia andata bene fino a quel momento. Il pubblico intanto attende il numero della gabbia dei leoni. È l’esibizione che più accende gli animi, ma questa volta qualcosa di diverso accade, il domatore aveva ragione.

Uno dei leoni, infatti, uno di quelli non più giovani, che aveva sempre rispettato il volere del suo addestratore, assicurando che tutto andasse secondo i piani e che ogni volta ha compiuto il suo dovere si esibisce in uno spettacolo extra che sorprende tutti ed emoziona.

È come se non avesse voglia di esibirsi nei soliti giochi che lasciano gli spettatori senza fiato, ma quando resta immobile sul suo sgabello, il domatore non si arrende e non pensa ad altro che alla stranezza della cosa: forse il leone ha qualche problema, forse non si sente bene o forse vuole essere semplicemente rispettato?

Il domatore neppure immagina che il leone è stanco di sottostare alle sue regole, che non vuole più sentirsi umiliato e desidera la sua libertà, per questo il suo gesto di attaccare l’addestratore sorprende ancora di più e l’animale per un giorno vive la sua avventura da leone.

Nel libro La gabbia dei leoni, lo scrittore Emilio Rega vuole raccontare una storia dal punto di vista degli animali, che in alcuni casi vengono umiliati dal comportamento irrispettoso degli uomini, persone che pensano a dominare e a soddisfare il loro bisogno di potere e di asservimento.

Ma ribaltando la storia, troviamo una similitudine tra il leone protagonista del libro e l’uomo che allo stesso modo è piegato dal potere ed è spersonalizzato, proprio come fosse domato da qualcun altro, che può essere la società o chi detiene il potere. Insomma, pur cambiando il protagonista della storia raccontata ne La gabbia dei leoni, il risultato resta uguale.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!