Recensione Libro La libreria delle storie sospese

Leggere è un'attività seria e va fatta con coscienza. Ci sono libri da iniziare in treno, altri da tenere sul comodino e sfogliare a letto, alcuni possono funzionare solo alla luce del sole splendente su una bella e affollata spiaggia e altri ancora che hanno bisogno del silenzio assoluto. Ogni lettore vero lo sa: è il volume a chiederti quando essere iniziato.
Recensione Libro La libreria delle storie sospese

Prezzo: € 17,00

Di cosa parla La libreria delle storie sospese di Cristina Di Canio

Qualcuno sarà già in vacanza sotto l’ombrellone, qualcuno aspetta ancora di andare in ferie e io vorrei consigliare questo libro per l’estate: La libreria delle storie sospese di Cristina Di Canio, pubblicato dalla casa editrice Rizzoli.

Una storia semplice, raccontata con trasporto, che si fa leggere piacevolmente e coinvolge nella vita della protagonista Nina e della voce narrante che è quella di Adele.

Nina è la proprietaria della libreria delle storie sospese, un luogo incantevole e dalle pareti lilla, che per quanto gradevole sia non sbarca il lunario. Adele invece è una donna anziana che da quanto è rimasta senza il compagno della sua vita, trascorre la maggior parte del suo tempo in libreria con la sua amica Nina.

Adele è imperscrutabile, per quanto di tanto in tanto racconti del suo passato, è una figura misteriosa che se ne sta seduta nella poltrona riservata a lei in libreria, estasiata dall’odore dei libri che con i suoi occhi scruta ogni movimento e ascolta persino i segreti di clienti e amici di Nina.

Per gli amanti delle librerie e delle storie che vedono al centro il ruolo dei libri, La libreria delle storie sospese è una piccola perla, che conquisterà già dalla bella copertina.

Per quanto la trama sia priva di fronzoli, la storia è scritta con cura e coinvolge emotivamente, soprattutto perché Nina vive la sua rottura con il fidanzato che la famiglia adora e capisce che i sentimenti sono ben altra cosa nel momento in cui si scopre innamorata di un’altra persona.

Certo, i suoi piani fanno in mille pezzi quando scopre la verità sull’uomo che frequenta, ma i sogni non sono solo stelle luminose lontane e irraggiungibili, spesso si possono avverare, basta solo avere il cuore aperto e sapere attendere.

La svolta nella libreria si ha nel momento in cui un cliente ha un’idea brillante, oggi ampiamente utilizzata da alcuni librai per stimolare i lettori, di lasciare un libro sospeso, come il caffè a Napoli, da regalare al cliente successivo.

Con una dedica a inizio libro e tante buone intenzioni, il cliente non solo fa ripartire gli ingranaggi arrugginiti della libreria, ma conquista la ragazza a cui giunge il libro che ha acquistato e lasciato in sospeso.

I libri fanno davvero sognare, è questo il messaggio del romanzo La libreria delle storie in sospeso, possono cambiare le sorti di una persona, oppure semplicemente aprire la mente verso altri orizzonti.

Attraverso i libri ci si racconta, ci si confronta, si ascolta e si metabolizzano vite che non ci appartengono ma ci sono molto vicine, e perché no, a volte sono il mezzo che ci aiuta a innamorarci nuovamente dopo una delusione.

La libreria delle storie sospese di Cristina Di Canio è un libro che si divora in due giorni, scorrevole ed emozionante, soprattutto sorprendente per dei passaggi improvvisi e neppure immaginati dal lettore.

Questo romanzo è dedicato ai libri, perché sono loro i veri protagonisti, al centro di vicende e artefici di destini nuovi e inaspettati.

Quindi se cercate un libro per l’estate 2016, tenete presente questo!

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!