La magia di Harry Potter

Articolo "Harry Potter è arrivato davvero alla conclusione della sua storia o ci aspettano colpi di scena e altre fantastiche magie?"
La magia di Harry Potter

Prezzo: € 23,00

La fine di Harry Potter?

Dopo il successo de Il Signore degli anelli e Le cronache di Narnia non si può non prestare interesse per Harry Potter, il piccolo mago.

Ormai da dieci anni che si è diffusa anche in Italia la mania per la saga fantasy di Harry Potter, nata da un’idea, a dir poco geniale, della scrittrice inglese Joanne Kathleen Rowling, da cui sono stati poi tratte le sceneggiature per i film campioni di incassi in tutto il mondo.

Ci sono ormai giochi del computer, statuette, siti interamente dedicati a Harry e ai suoi amici. Ci sono gadget di ogni tipo, e in ogni angolo del mondo si scelgono date e destinazioni per i raduni, dove i ragazzi si incontrano con un unico obiettivo: rivivere la realtà magica del piccolo Potter.

La storia inventata dalla scrittrice Rowling è molto semplice. Harry è un mago alle prime armi che frequenta la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, in cui vengono insegnate tutte le discipline inerenti alle più bizzarre e interessanti stregonerie.

In questo ambiente spettacolare Harry Potter conosce i suoi compagni di avventura, Ron ed Hermione, con cui condivide il tempo ma anche le sue battaglie contro demoni malvagi e nemici di ogni specie.

L’antagonista principale è Lord Voldemort colui che, pur di ottenere il potere sul mondo magico e sconfiggere tutti quelli che si intromettono nella sua realizzazione, ha ammazzato la famiglia di Harry Potter.

Il piccolo orfan sembra avere un unico scopo: vuole rivendicare la morte dei genitori e prova a farlo impegnandosi nello studio della magia per poter sconfiggere il suo nemico più ostile.

La saga, che è al suo settimo libro, è stata accolta con molto entusiasmo dai ragazzi in tutto il mondo, ma non si può dire sia avvenuto lo stesso per alcuni genitori, soprattutto per quelli cinesi, che hanno ritrovato, soprattutto nelle scene del sesto film Harry Potter e il principe Mezzosangue, immagini troppo violente e poco adatte ai bambini, che potrebbero avere una visione distorta della realtà. Le polemiche quindi non sono mancante. Come avviene sempre per i film e i libri di successo.

In Italia è la Salani Editore che si è aggiudicato il bottino comprando i diritti editoriali e occupandosi della diffusione del libro magico.

Per chi ancora non lo sapesse, i titoli sono: Harry Potter e la pietra filosofale, Harry Potter e la camera dei segreti, Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, Harry Potter e il calice di fuoco, Harry Potter e l’ordine della fenice, Harry Potter e il principe Mezzosangue, e Harry Potter e i doni della morte.

Chissà adesso cosa ci dobbiamo aspettare da Harry e i suoi amici, ma soprattutto ci chiediamo se la scrittrice Joanne Kathleen Rowling continuerà a sfornare libri per i suoi fans!?!

Sembra che la saga si concluda con Harry Potter e i doni della morte, ma ci sono dubbi al riguardo, visto che in alcune interviste la scrittrice ha dichiarato la possibilità di un ottavo libro, poi smentito subito dopo.

Al solo accenno di una possibile fine della saga, i “seguaci” del mondo magico, hanno manifestato il loro malcontento e la delusione, come se Harry dovesse essere capace di fare un’ultima magia: dare a se stesso l’eternità.

Non ci resta che aspettare e vedere se la Rowling farà un ultimo dono ai suoi fans, raccogliendo tutti i libri in un volume enciclopedico in cui inserire tutte le parti tagliate e le idee non utilizzate nelle opere precedenti.

Se così non dovesse essere, saranno in molti a perderci, soprattutto in termini economici, la scrittrice in primo luogo, gli editori, le case di produzioni cinematografiche, i realizzatori di gadget, e tanti altri addetti ai lavori. Ma coloro che avranno una perdita maggiore, perché affettiva, saranno i lettori più accaniti, che dovranno trovare un altro mito che si vada a sostituire al simpatico Harry Potter.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!