Recensione Libro “La porta celeste”

Se la mente è malata, nel senso che gravano su di essa pensieri o problemi, preoccupazioni e malattie fisiche di vario genere, anche la nostra parte spirituale si incupisce e precipita nel buio...
Recensione Libro “La porta celeste”

Prezzo: € 14,00

Di cosa parla “La porta celeste” di Susanna Fois

Il libro di Susanna Fois “La porta celeste” si apre con una dichiarazione che lascia il lettore senza fiato per qualche secondo: sì perché nella premessa, al primo rigo, la protagonista dice di avere un cancro al seno.

Da qui si snoda tutto il racconto, fatto in prima persona sotto forma di diario, della lotta contro questa terribile malattia. Dopo aver ricevuto la terribile notizia, però, nonostante la paura e il dolore, Susanna Fois non si abbatte, ma decide di affrontare il cancro in un modo alternativo, tentando di guarire lo spirito.

Attraverso metodi alternativi ben lontani dalla medicina ufficiale utilizzata per contrastare il cancro, la protagonista del libro “La porta celeste” trova la forza e il coraggio di lottare, lo fa partendo dalla mente, per sanare le ferite dello spirito.

Susanna Fois si ancora alla speranza di potercela fare e va a fondo in se stessa per capire qual è il dolore reale da contrastare.

“La porta celeste” non parla solo della malattia, quindi, ma anche di una rivoluzione interiore iniziata nel periodo precedente al sopraggiungere della cattiva notizia, quando Susanna Fois decide di intraprendere il suo viaggio spirituale affrontando il Cammino di Santiago.

“La porta celeste” è un libro toccante, attraverso cui la scrittrice Susanna Fois mostra se stessa fino in fondo e per farlo ci vuole molto coraggio. Per quanto duro sia stato il percorso, Susanna Fois non ha mai smesso di credere di poter vincere la sua battaglia.

La scrittrice con la sua storia non vuole convincere nessuno, ma semplicemente mostrare che la malattia si può combattere in modo diverso, perché ogni persona ha un modo di reagire differente. Quello che vuole far capire Susanna Fois è che l’importante è lavorare su di sé.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!