La donna della panchina
La donna della panchina

Recensione Libro “La serpe e il mirto (1978) ovvero il tempo secondo Aguilar Mendes”

Era appena iniziato l’assedio di Roma, l’Italia imboccava in pieno, a tutta velocità, il binario di sangue, la linea rossa dei cosiddetti «anni di piombo». Poche ore prima le Brigate Rosse avevano rapito Aldo Moro.
Senza di te
Recensione Libro “La serpe e il mirto (1978) ovvero il tempo secondo Aguilar Mendes”

Casa editrice

Parallelo45 Edizioni

Prezzo: € 12,00

Di cosa parla “La serpe e il mirto (1978) ovvero il tempo secondo Aguilar Mendes” di Stefano Valente

“La serpe e il mirto (1978) ovvero il tempo secondo Aguilar Mendes” dello scrittore emergente Stefano Valente, pubblicato dalla casa editrice Parallelo45 Edizioni è un libro molto particolare, che fonde due generi: il giallo esoterico e il Mystery e che pone l’accento tu un tema delicato.

Il protagonista de “La serpe e il mirto (1978) ovvero il tempo secondo Aguilar Mendes” si chiama Aguilar Mendes ed è uno studioso di letteratura che agli occhi degli altri può apparire come un uomo già sconfitto, costretto a combattere battaglie che gli spettano, ma che lui non sente sue.

Quest’uomo debole, nostalgico e che non agisce, un individuo che l’autore stesso sembra odiare, conosce la realtà dell’Argentina dei desaparecidos e l’enigma che la accompagna.

Caldo amaro

Aguilar Mendes si trova a percorrere le strade di Roma, quelle di una città i cui luoghi, e non solo quelli, scompaiono misteriosamente. E dello stesso mistero intangibile e per questo inafferrabile si presenta la storia narrata da Stefano Valente.

“La serpe e il mirto (1978) ovvero il tempo secondo Aguilar Mendes” è un libro che si dispiega attorno al caso del rapimento di Moro da parte delle Brigate Rosse e dal viaggio fisico, ma soprattutto mentale che porterà il protagonista del libro a girare il mondo affrontando sentimenti contrastanti, personaggi indefinibili, cospirazioni ed enigmi.

Stefano Valente con “La serpe e il mirto (1978) ovvero il tempo secondo Aguilar Mendesci conduce nel cuore dell’Italia, di un Paese piegato dagli eventi, ma ci spinge anche oltre, a osservare misteri complessi che vengono da lontano, che il lettore può raggiungere stando comodamente seduto a sfogliare il romanzo.

Il lettore sarà incuriosito dalla trama di questo libro e proprio come si legge nelle ultime pagine, la curiosità è il sale della vita, per questo tutti gli uomini amano i segreti…

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!