Recensione Libro La tentazione di essere felici

Non mi è bastata una vita per imparare a porgere la mano senza tremare.
Recensione Libro La tentazione di essere felici

Prezzo: € 14,90

Di cosa parla La tentazione di essere felici di Lorenzo Marone

A volte inaspettatamente uno scrittore emergente riesce a centrare il bersaglio al primo colpo. È questo il caso di Lorenzo Marone, scrittore napoletano, che con La tentazione di essere felici racconta una storia in modo veloce, ironico e coinvolgente, senza dimenticare la sensibilità.

Cesare è un anziano vedovo un po’ burbero, all’apparenza, che ama dire sempre quello che pensa creandosi non pochi nemici e non riesce a fare a meno di essere cinico. Padre di due figli, una donna con cui riesce a parlare, ma soprattutto a scontrarsi, e un ragazzo che pare abbia gridato al mondo di essere omosessuale, ma a lui non l’ha mai detto.

Questo suo modo ruvido di essere e di esternare i sentimenti, lo mette in cattiva luce, sembra spietato e senza cuore, ma lentamente, leggendo La tentazione di essere felici si scopre un uomo che c’è sempre, persino per degli estranei.

Questa sua innata disponibilità verso gli altri, nonostante le tante lamentele e i modi bruschi, lo rende una persona speciale, che ha solo bisogno di venire allo scoperto e di cui gli altri non riescono a fare a meno.

Anche il lettore sarà coinvolto da Cesare, dal suo atteggiamento a volte sgarbato, ma molto più spesso di accoglienza verso il prossimo e conforto verso chi ne ha bisogno.

Sono tanti i personaggi che diventeranno familiari leggendo La tentazione di essere felici, persone stravaganti, con vite straordinariamente comuni, eppure fuori dalla nostra vista quotidiana, anch’essi descritti con cura e ironia.

Lorenzo Marone con il suo esordio in Longanesi ha trovato la strada migliore per arrivare al cuore del lettore. Il libro La tentazione di essere felici non solo racconta una storia di cui lo scrittore ci rende partecipi, ma ha un titolo davvero bello, che invoglia all’acquisto, perché anche a me “piace chi combatte ogni giorno per essere felice”.

Questo romanzo è assolutamente consigliato ai lettori che cercano di addentrarsi in romanzi di spessore, che colpiscono mente e cuore grazie all’ironia e le argute osservazioni dello scrittore.

Trama del romanzo La tentazione di essere felice:

Cesare Annunziata potrebbe essere definito senza troppi giri di parole un vecchio e cinico rompiscatole. Settantasette anni, vedovo da cinque e con due figli, Cesare è un uomo che ha deciso di fregarsene degli altri e dei molti sogni cui ha chiuso la porta in faccia. Con la vita intrattiene pochi bilanci, perlopiù improntati a una feroce ironia, forse per il timore che non tornino. Una vita che potrebbe scorrere così per la sua china, fino al suo prevedibile e universale esito, tra un bicchiere di vino con Marino, il vecchietto nevrotico del secondo piano, le poche chiacchiere scambiate malvolentieri con Eleonora, la gattara del condominio, e i guizzi di passione carnale con Rossana, la matura infermiera che arrotonda le entrate con attenzioni a pagamento per i vedovi del quartiere.
Ma un giorno, nel condominio, arriva la giovane ed enigmatica Emma, sposata a un losco individuo che così poco le somiglia. Cesare capisce subito che in quella coppia c’è qualcosa che non va, e non vorrebbe certo impicciarsi, se non fosse per la muta richiesta d’aiuto negli occhi tristi di Emma…
I segreti che Cesare scoprirà sulla sua vicina di casa, ma soprattutto su se stesso, sono la scintillante materia di questo formidabile romanzo, capace di disegnare un personaggio in cui convivono, con felice paradosso, il più feroce cinismo e la più profonda umanità.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!