Recensione Libro “Neanche un morso all’orecchio”

L’uomo che ti ha insegnato che una persona non vale per i risultati che ha ottenuto ma per l’onestà, la serietà, il rigore con cui ha cercato di ottenerli. L’unico uomo al mondo che per il figlio, cioè per me, c’è sempre stato.
Recensione Libro “Neanche un morso all’orecchio”

Prezzo: € 16,00

Di cosa parla “Neanche un morso all’orecchio” di Flavio Insinna

Flavio Insinna lo conosciamo nei panni del presentatore e dell’attore, ma da quando ha pubblicato il libro “Neanche con un morso all’orecchio” possiamo definirlo anche uno scrittore. Molti hanno malignamente pensato che essendo questo il suo periodo artistico fortunato, qualcuno avesse voluto sfruttare la sua immagine per fargli scrivere questa storia che di sicuro avrebbe venduto.

Trovandosi però a leggere “Neanche con un morso all’orecchio”, un libro autobiografico, si ha da subito la netta sensazione che Flavio Insinna abbia molto da condividere. È lui per primo a dire che uno scrittore avrebbe raccontato tutto diversamente e che chi legge il suo libro deve prendersi quello che passa il convento, ma questa storia ha qualcosa di magico… la voce del suo protagonista.

Sì, perché Flavio Insinna scrive “Neanche con un morso all’orecchio” senza pretese, con umiltà e dolcezza, prestando la sua voce ai pensieri che gli passano per la testa, senza ricostruirli o abbellirli, ma raccontandoli così come li ha sentiti in quel momento, confidandosi con il lettore così come avrebbe fatto con un amico a telefono o da vicino.

“Neanche un morso all’orecchio” racconta la dolorosa perdita del padre, capobranco della famiglia, punto di riferimento che ha sempre dato tutto per gli altri vivendo onestamente, senza peccare mai di presunzione, né sporcarsi le mani; un uomo che ha insegnato i valori veri ai suoi figlie e che Flavio ha preso d’esempio. Un uomo di cui il figlio sente di non poter fare a meno.

Ma  il libro “Neanche un morso all’orecchio” parla anche della vita privata dell’attore, sono molti gli aneddoti dolci e amari di cui parla, perché nel momento in cui inizia il doloroso distacco fisico dal padre, Flavio Insinna sente l’esigenza di ripercorrere molti momenti della sua esistenza partendo dall’adolescenza e passando poi alla sua carriera e alle sue fragilità.

“Neanche un morso all’orecchio” è un libro genuino, attraverso cui conoscere la storia di un uomo che si mostra attraverso le sue battute e la sua simpatia, un personaggio che tutti gli spettatori conoscono solo superficialmente e che alla fine della storia ognuno impara ad amare per la sua sincerità e dolcezza.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!