Recensione Libro “Niente è come te”

Tutti sbagliamo. In continuazione e spesso senza rendercene conto. Sbagliamo per distrazione, per inganno o per abitudine.
Recensione Libro “Niente è come te”

Prezzo: € 14,90

Di cosa parla “Niente è come te” di Sara Rattaro

La scrittrice Sara Rattaro ha una capacità indiscutibile: è in grado di entrare nel cuore del lettore con le sue storie e ci è riuscita anche con il suo ultimo romanzo “Niente è come te”, vincitore del Premio Bancarella 2015.

Margherita è un’adolescente che non solo ha perso la madre in un incidente stradale, ma è costretta a vivere con un padre che non ricorda neppure, uno dei tanti, quello biologico da cui la madre l’ha tenuta lontana.

Francesco, il padre, non ha potuto fare molto quando la madre, dopo alcuni anni dalla nascita di Margherita, ha deciso di togliergli la figlia portandola con sé in Danimarca, suo paese natale.

Lui ha tentato di fare il possibile, ha sperato che la giustizia fosse dalla sua parte, ma non è servito a nulla. Si è sentito sconfitto in partenza. Francesco ha percorso chilometri senza neppure sapere se la madre gli avrebbe permesso di vedere quella figlia per cui ogni anno di più diventava un estraneo. Ha conservato per ogni compleanno un regalo, che non è riuscito mai a farle avere a causa di sua madre, e ha sofferto, come può un genitore a cui gli viene negato di vivere con il proprio figlio.

Quando la madre di Margherita è morta, la ragazza non ha avuto altra scelta se non quella di essere affidata al padre italiano di cui non ricordava nulla. La convivenza inizialmente è difficile, lei, ormai adolescente, capisce di avere di fronte un uomo gentile e affascinante, ma non sa chi sia e la madre le ha sempre raccontato che era lui a non volerla vedere.

Il conflitto si amplifica ogni giorno di più nel cuore della protagonista di “Niente è come te” e ci vorrà del tempo, tanta pazienza e ancora molta sofferenza prima che tra i due inizia a esserci un dialogo.

Il primo vero momento di condivisione lo hanno quando il padre decide di portare la figlia nei luoghi in cui con la madre ha vissuto la loro storia d’amore. Solo allora Margherita capisce quanto sia difficile per lui scalfire il muro che lei ha eretto. E solo allora capisce che quell’uomo ha davvero amato la madre e che sia una persona speciale.

Condividendo attimi del passato che la ragazza neppure conosceva e lui sperava di aver sotterrato in fondo al cuore, tra Margherita e Francesco si crea lentamente il rapporto di affetto e tenerezza tra padre e figlia.

“Niente è come te” di Sara Rattaro non racconta solo la storia di Francesco, ma quella di molte donne e uomini a cui è stato negato il diritto di essere genitori dal coniuge senza motivi e che soffrono senza riuscire a trovare la soluzione. Spesso, nonostante l’intervento della giustizia, queste persone devono adattarsi al volere del coniuge non supportati da leggi adeguate.

“Niente è come te” è un libro di speranza per tutti i genitori che si sentono abbandonati, per tutti i figli che non si sentono amati e per tutti quelli che credono nella verità dei sentimenti. Sara Rattaro con questo libro ha scritto una storia commovente adatta a chiunque.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!