Recensione poesie di Maria Teresa Usai

Povera e mesta/lasci in dono l’amore/e in questo infinito,/ritrovo in te protezione.
Recensione poesie di Maria Teresa Usai

La poetessa Maria Teresa Usai con la raccolta di poesie presentate al Concorso Letterario Nazionale “Autore di te stesso” 2011 organizzato da Recensione Libro.it in collaborazione con la CSA Editrice, si è aggiudicata il terzo posto nella categoria poesie edite e inedite.

Le rime da lei presentate sono molto intime e la scrittrice sembra voler condividere con gli altri i suoi sentimenti, dolci e di perdita, di amore e incanto, di rinuncia, di quotidianità e sogni.

Le poesie di Maria Teresa Usai sono semplici e mai banali, raccolgono la vita che vibra intorno e dentro di lei, per rimandarle in strofe a chi vuole ascoltare parole piene di sensazioni, odori, momenti, ricordi.

In una delle poesie viene evidenziato un messaggio molto importante che la scrittrice stessa ha voluto così spiegare: quando si è piccoli, anche se in famiglia le difficoltà economiche non consentono di preparare pasti elaborati, persino delle semplici patate sono un piatto speciale, perché piene dell’amore di una madre.

La capacità della scrittrice Maria Teresa Usai è di riuscire a mostrare nitidamente e con delicatezza ciò che vede. Il suo sguardo posato sulla realtà coglie l’intensità del momento, carpisce ciò che accade nel mondo, che sia quello interiore, così come quello che le si muove intorno, ed è capace di raccontare il tutto con armonia, mostrando la sua sensibilità che vuole essere condivisa con gli altri.

Questi sono stati i motivi per cui le sue poesie sono state scelte da Recensione Libro.it per essere tra quelle vincitrici del Concorso Letterario Nazionale “Autore di te stesso” 2011.