Recensione Libro Firebird La caccia

In mezzo a questo subbuglio di dolore e paura, brilla un piccolo frammento di orgoglio, che mi sembra l’unica fonte di calore, l’unica speranza nel mondo.
Recensione Libro Firebird La caccia

Prezzo: € 16,00

Di cosa parla Firebird La caccia di Claudia Gray

Firebird La caccia di Claudia Gray è un fantasy, al cui interno troviamo anche il fantascientifico e il romance, uscito l’8 settembre 2015 con la casa editrice Harlequin Mondadori.

Sulla copertina del libro, in cui vanno in contrasto due mondi, l’antico e il moderno, padroneggia la scritta: Claudia Gray autrice della serie bestseller Evernight e questo aiuta sicuramente nella vendita di Firebird La caccia.

Poi leggendo la trama si viene ancora di più incentivati all’acquisto, ma la vera scoperta si fa nel momento in cui il libro viene letto. Questo romanzo young adult ha qualcosa di diverso rispetto ai suoi predecessori, perché al di là della storia d’amore che deve sempre esserci, la realtà viene vissuta in varie dimensioni e compiendo assurdi viaggi nel tempo.

Protagonista indiscussa di Firebird La caccia è Marguerite Caine, una ragazza che in fondo desidererebbe la normalità, invece si ritrova a essere figlia di due scienziati dalle idee geniali che hanno creato il Firebird, un congegno che consente di far viaggiare nei vari universi possibili che esistono.

Purtroppo, il padre di Marguerite è morto, pare che a ucciderlo sia stato proprio uno dei suoi migliori assistenti, Paul, accolto come un figlio in famiglia. Paul dopo aver ucciso lo scienziato ha rubato il congegno ed è scappato in un’altra dimensione.

Quando Marguerite scopre il colpevole si convince della necessità di andare a cercare Paul per fargliela pagare. Ad avere l’idea di scovarlo è Theo, un altro assistente della famiglia degli scienziati, che ha tenuto per sé i prototipi del Firebird e pensa di poterli utilizzare per viaggiare nelle varie dimensioni e nel tempo.

Inizia così il rincorrersi tra universi diversi in epoche differenti… prima in un tempo futuro a Londra, poi nel periodo dello Zar in Russia e infine in un mondo sottomarino.

Ciò che lascia di più con il fiato in sospeso sono dei colpi di scena che non vi aspetterete e lo scoprire come anche ciò che è prevedibile finisca con il sorprendere.

Non tutto quello che Marguerite scopre era immaginabile, anzi, spesso è molto diverso persino da come i genitori avevano pronosticato e lei si troverà a essere una persona totalmente differente da se stessa, anche se in fondo i sentimenti che prova restano invariati.

Se dovessi trovare un difetto a Firebird La caccia di Claudia Gray lo rintraccerei nella poca cura da parte dell’autrice nel cercare di spiegare il funzionamento del congegno: trattandosi di un’invenzione scientifica ad alta tecnologia ci si aspetterebbe un approfondimento della sua ideazione, realizzazione e in particolare del suo meccanismo, invece è come se ci fosse una certa superficialità in questo.

Per il resto ho trovato che Firebird La caccia sia un bel libro, con una buona dose di suspense e mi sento di consigliarlo ai lettori appassionati di fantasy e romance.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!