Recensione Libro “Si dice che si vive una volta sola, ma purtroppo non sempre è così…”

Talvolta è meglio perdersi sulla strada di un viaggio impossibile che non partire mai…
Recensione Libro “Si dice che si vive una volta sola, ma purtroppo non sempre è così…”

Di cosa parla “Si dice che si vive una volta sola, ma purtroppo non sempre è così…” di Paul A. Valenti

Lo scrittore Paul A. Valenti nel suo primo libro dal titolo “Io amo me stesso ma è amore non corrisposto” ci aveva raccontato la sua storia, attraverso una biografia ironica, che trova il suo compimento in questo secondo romanzo: “Si dice che si vive una volta sola, ma purtroppo non sempre è così…”.

La storia, che prende spunto dalla realtà diventando poi una sorta di favola, si realizza in vicende assurde. Il lettore si troverà catapultato in un mondo irreale senza tempo.

Paul A. Valenti nel libro “Si dice che si vive una volta sola, ma purtroppo non sempre è così…” racconta la storia di un ragazzo che conduce la sua vita in maniera un po’ superficiale, credendo di avere il destino a suo favore, e durante il suo percorso si sente osservato da un vecchietto.

Quell’anziano è lui stesso a ottant’anni, emigrato in Asia e tornato dopo oltre quarant’anni per incontrare se stesso da giovane.

Nel romanzo “Si dice che si vive una volta sola, ma purtroppo non sempre è così…” s’incontrano quindi due realtà distanti nel tempo e due uomini molto diversi tra loro, nonostante la persona sia la stessa.

Leggendo il libro di Paul A. Valenti si ha la possibilità di conoscere i pensieri di Paul, che raccontandosi non solo ci mostra come l’esperienza possa modificare ogni uomo rendendolo un po’ più saggio, ma fa andare a fondo sui vari argomenti su cui il protagonista si trova a riflettere.

“Si dice che si vive una volta sola, ma purtroppo non sempre è così…” è un libro scorrevole, divertente, ironico e che mostra una realtà intangibile, ma che ogni uomo dentro di sé può vivere.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!