Recensione Libro “Stabat mater”

Vincitore Premio Strega 2009. Ci sono ancora, da qualche parte, sono qui, separata da questa devastazione, l'angoscia non mi ha ancora presa tutta, c'è ancora un angolo dove posso mettermi al riparo e dire: io.
Recensione Libro “Stabat mater”

Prezzo: € 10,00

Di cosa parla “Stabat mater” di Tiziano Scarpa

Il libro di Tiziano Scarpa “Stabat mater” parte da una passione, quella per il grande compositore Vivaldi. Le sue note si percepiscono durante tutto il racconto e trovano una collocazione ben precisa nella storia, perché legate al movimento delle mani della protagonista, che vive la musica come fosse aria.

Cecilia è una bambina che è stata abbandonata alla nascita in un orfanotrofio e possiede solo la metà di sé, quella che le ha regalato sua madre prima di lasciarla in questo posto. Tutto ciò che Cecilia ha del suo passato è racchiuso in quella metà, che altro non è che una mezza rosa dei venti, l’altra metà per tradizione la conserva la madre, simbolo di un possibile, futuro, ricongiungimento.

Cecilia non dorme la notte, si alza dal letto, cammina lungo i corridoi, si siede sulle scale, quando sente freddo si appoggia ad una parete che emana calore, poiché ci sono i tubi della caldaia e scrive. Scrive lettere ad una madre che non conosce, che neanche riesce ad immaginare, di cui non sa nulla.

Ma durante quelle ore al buio accadono molte cose sorprendenti in quel luogo ameno ed il tempo non è utilizzato solo per parlare con la sua mamma, c’è anche quello per incontrare un personaggio strano, la Morte o la testa dai capelli di serpenti – così come lei la definisce – di cui si fida e con cui inizia a confidarsi.

La sua nuova compagna dagli strani capelli le insegna nozioni di vita, le spiega il significato dei sentimenti attraverso i discorsi e le fa mettere in dubbio ogni cosa, lei che non sa neanche come si nasce. Allora si srotolano parole, che più che discorsi sembrano riflessioni poetiche, si ascolta la musica che Cecilia suona assieme alle sue compagne per raccogliere soldi a favore dell’orfanotrofio e si osserva una ragazzina che è costretta a combattere contro le proprie paure stringendo amicizia con l’oscurità e i fantasmi.

“Stabat mater” è un libro profondo, sincero, genuino. Le parole sfiorano delicatamente e attraversano il corpo proprio come una melodia.

Con il romanzo “Stabat mater” lo scrittore Tiziano Scarpa ha vinto il Premio Strega 2009 meritatamente.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!