Recensione Libro “Sto bene è solo la fine del mondo”

Da qualche parte, tra cielo e terra, in uno spazio in cui l’occhio umano non poteva arrivare, al di là di un confine tra il visibile e l’invisibile, stava per concludersi il millenario conflitto tra forze del bene e forze del male.
Recensione Libro “Sto bene è solo la fine del mondo”

Prezzo: € 14,90

Di cosa parla “Sto bene è solo la fine del mondo” di Ignazio Tarantino

Il romanzo di Ignazio Tarantino “Sto bene è solo la fine del mondo” racconta della necessità di evadere, di cercare e trovare la propria libertà per allontanarsi da una realtà fatta di tante piccole oppressioni della mente.

Giuliano, il bambino protagonista del libro “Sto bene è solo la fine del mondo”, fa parte di una famiglia numerosa del Sud, è l’ultimo a essere nato. Assunta, la madre, è una donna molto religiosa, che ha deciso di mettere da parte se stessa per dedicarsi completamente ai figli. Il padre, invece, è un uomo depresso, violento e distratto.

Il cambiamento in questa famiglia in cui è difficile vivere, avviene quando Assunta accoglie in casa due sconosciuti, che riescono a stimolare il suo interesse. I due le dicono che è imminente il giudizio di Dio e le chiedono di seguirli per raggiungere la felicità e la salvezza eterna.

La donna, che ha bisogno proprio di un appiglio in un momento complicato della sua vita, decide di affidarsi a questa “Società” trascinando con sé anche i figli.

Giuliano è quello che sembra subire maggiormente questa scelta della madre, ormai tormentata dal peccato e dal bisogno di redenzione. Il bambino inizia a vivere soffocato dai sensi di colpa e si isola sempre di più, subendo questa mania della madre di ricercare la felicità mai avuta e di trovare la salvezza eterna.

“Sto bene è solo la fine del mondo” di Ignazio Tarantino è un romanzo che racconta di privazioni, di sofferenza, di incomprensioni e violenze, sia fisiche, quelle dettate dal padre, sia psicologiche, imposte inconsapevolmente dalla madre.

Il romanzo “Sto bene è solo la fine del mondo” mostra la fragilità della famiglia, la cura di cui hanno bisogno i figli e l’evasione di cui necessitano a volte i genitori. Lo scrittore Ignazio Tarantino mostra il fascino e il potere delle religioni e spinge il lettore a provare pena e affetto per il piccolo Giuliano, combattuto tra vari sentimenti, spesso ingestibili.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!