Di cosa parla “Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico” di Luis Sepùlveda

Non si è ancora smesso di parlare del libro “Storia di una gabbianella e del gatto le insegnò a volare” che nel 1996 ha raggiunto un successo mondiale, che Luis Sepùlveda sorprende lettori piccoli e grandi con un nuovo romanzo “Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico”.

Il libro è scritto con una semplicità disarmante ma riesce a cogliere nel segno e a raccontare le vicende di un gatto Mix cresciuto assieme al suo padrone Max, che preso da impegni di lavoro lo lascia spesso solo a casa. Con il tempo il gatto inizia a perdere la vista e affronta spesso da solo le sue giornate in attesa del rientro di Max.

Un giorno però il protagonista di “Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico” avverte la presenza di qualcuno nelle sue vicinanze, lo blocca e pur non vedendolo, lo riconosce come topo.

Tra i due nasce una profonda amicizia. Il gatto potrà continuare a vedere grazie ai racconti del suo amico topo e il piccolo roditore grazie al felino diventerà più coraggioso.

“Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico” di Luis Sepùlveda, con illustrazioni di Simona Mulazzani è un libro in cui al di là della favola che i più piccoli ameranno, ci sono tanti insegnamenti da tenere a mente sul significato profondo dell’amicizia.