Recensione libro Tutti mi danno del bastardo

Tutti ci ridevano sopra. Le storie di famiglia erano questo: il racconto divertente dei disastri e dei casini.
Recensione libro Tutti mi danno del bastardo

Prezzo: € 9,00

Di cosa parla Tutti mi danno del bastardo di Nick Hornby

Tutti mi danno del bastardo è un romanzo breve di Nick Hornby pubblicato nel 2012 dalla casa editrice Guanda che racconta la storia di Charlie, un uomo messo al centro della rubrica satirica tenuta dalla sua ex moglie su un giornale.

Raccontando eventi e comportamenti dell’ex marito, Elaine dipinge un uomo minuscolo, senza spina dorsale e che ha davvero poco di cui vantarsi. La rubrica, intitolata “Bastardo” è amatissima da tutti, anche dalla madre di Charlie che gli telefona spesso per aggiornalo sugli argomenti trattati nella rubrica dalla ex moglie.

Charlie vive molto male la sua improvvisa notorietà ma qualcosa cambia quando nella stessa pagina della rubrica tenuta dalla sua ex moglie, compare “Stronza” un approfondimento sulla stessa riga di “Bastardo”. L’anonimo che cura la rubrica racconta della sua ex moglie con stile gretto e sprezzante, utilizzando parole cariche di frustrazione.

In questo, a detta anche di Charlie, Elaine è assolutamente fantastica: la sua rubrica parte dalle disavventure del bastardo per sfociare in interessanti analisi sociali. L’autore della rubrica contro l’ex moglie, invece, è un giornalista di poco conto. L’incontro tra Charlie e la donna messa al centro della rubrica “Stronza” offrirà una nuova prospettiva di vita ad entrambi.

Tutti mi danno del bastardo è lontano anni luce dal miglior Hornby: più che un romanzo sembra un soggetto da approfondire. L’idea di fondo è interessante e carina, come sempre quando si ha a che fare con Nick Hornby, ma la stesura è frettolosa e poco approfondita. La sensazione è che Hornby abbia buttato giù uno spunto da approfondire e che poi non abbia avuto il tempo di coltivare la sua creatura.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!