Recensione Libro “Venivamo tutte per mare”

La gente comincia a esigere risposte. I giapponesi sono andati nei centri di raccolta di loro volontà, oppure sotto coercizione?... Qualcuno interverrà in loro favore, e in tal caso, chi? Sono innocenti? Sono colpevoli? Sono davvero andati via? Non è strano, infatti, che nessuno di nostra conoscenza li abbia visti partire?
Recensione Libro “Venivamo tutte per mare”

Prezzo: € 13,00

Di cosa parla “Venivamo tutte per mare” di Julie Otsuka

Ci sono dei libri che lasciano il segno, anche se finiscono troppo preso, anche se affrontano un argomento che per noi risulta quasi intangibile tanto è lontano dal nostro spazio quotidiano e condiviso.
La casa editrice Bollati Boringhieri ha pubblicato un romanzo “Venivamo tutte per mare” di Julie Otsuka che timidamente si è fatto spazio tra i grandi nomi della letteratura internazionale affermandosi come un gran libro.

Il romanzo racconta delle “spose in fotografia”, le donne giapponesi che all’inizio del Novecento partirono alla volta dell’America, dove ad attenderle c’erano i loro futuri mariti, quelli che non avevano mai conosciuto e di cui possedevano solo una fotografia. “Sulla nave ci chiedevamo spesso: ci piaceranno? Li ameremo? Li riconosceremo dalle foto, quando li vedremo per la prima volta sul molo?”.

“Venivamo tutte per mare” narra del viaggio di giovani donne che partono con la speranza nel cuore lasciandosi alle spalle i loro affetti più cari e tutto ciò che hanno per andare incontro a una vita migliore che gli era stata promessa dai loro mariti. Ad attenderle, invece, al porto trovavano solamente la dura realtà, un uomo che non possiede nulla, un lavoro massacrante e pregiudizi razziali. Quello che hanno lasciato vale più di quello che hanno raggiunto, è questa la verità.

Quando poi arriva la guerra e l’attacco a Pearl Harbour i giapponesi iniziano ad essere considerati nemici e improvvisamente scompaiono. Dove sono? Perché non hanno detto nulla? Sono colpevoli o innocenti? Sono stati deportati? Sono queste le domande che si pongono i loro vicini. Purtroppo la risposta per noi è semplice, la storia ci ha raccontato che quelle donne e quegli uomini, assieme ai loro bambini furono deportati nei campi di prigionia a pagare per un reato che non avevano commesso.

“Venivamo tutte per mare” di Julie Otsuka non solo è un libro interessante per l’argomento che tratta, ma anche per il modo in cui lo affronta, raccogliendo testimonianze, utilizzando tante voci come se fossero una sola, come se ci trovassimo di fronte un’unica donna che ci racconta la sua tragedia personale, che è stata condivisa da tante persone. Un piccolo romanzo che si rivela una perla, un libro bello, che sta scalando le classifiche dei libri più venduti anche in Italia e che vale la pena consigliare.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!