Recensione Libro “Verso l’infinito – La teoria del tutto”

Il destino degli alberi e del giardino rispecchiava il destino che era toccato a noi. Non avrebbe potuto esserci una metafora più potente o significativa di quel buco nero nel giardino per la fine della nostra vita familiare.
Recensione Libro “Verso l’infinito – La teoria del tutto”

Prezzo: € 19,50

Di cosa parla “Verso l’infinito – La teoria del tutto” di Jane Hawking

Parte di quello che abbiamo visto al cinema nella spettacolare interpretazione di  Eddie Redmayne, premio Oscar come migliore attore 2015, è raccontato nel libro “Verso l’infinito – La teoria del tutto” di Jane Hawking.

L’ex moglie del fisico Stephen Hawking parla dell’incontro che le ha cambiato la vita con quello che diventerà poi suo marito.

“Verso l’infinito – La teoria del tutto” è ovviamente il punto di vista di Jane Hawking che narra della sua vita, fortemente influenzata e rivoluzionata dal rapporto costruito con Stephen.

Affascinata da questo ragazzo fuori dalle righe, vestito con il papillon e sempre pronto a intavolare discussioni critiche verso il mondo, viene attratta dal suo carattere difficile e dalle varie sfumature.

Si dice di lui in giro che ha la stoffa di Newton e che cambierà il modo di vedere le cose.

Se lui è così eccentrico, pieno di idee in contrasto con la normalità, lei è una ragazza che ama viaggiare, vedere le cose da vicino, ed è appassionata di poesia. Così distanti nel modo di essere, ma molto vicini per l’amore che da subito nasce tra di loro.

Purtroppo Stephen Hawking è affetto da una grave malattia, è giovane e la sua vita viene distrutta da questa terribile malattia che gli lascia appena due anni di vita, secondo le previsioni del medico.

I due innamorati però non riescono a farsi sopraffare dalla notizia, sentono di voler vivere la loro storia fin quando avranno tempo, quel tempo che diventa l’ossessione di Stephen.

I due anni pronosticati scadono, ma lui non molla, supportato dalla forza della mente e dalla presenza amorevole di Jane, che lotta al suo fianco, caricandosi del peso della malattia e sbrigando da sola la maggior parte dei lavori.

Jane è il braccio e Stephen la mente. Il giovane continua con le sue teorie a spiegare il mondo, mentre il suo corpo si accartoccia e diventa sempre meno gestibile. Ma entrambi riescono per anni a trovare la voglia di proseguire il cammino grazie all’amore che li ha coinvolti.

“Verso l’infinito – La teoria del tutto” è un libro che mostra la potenza della mente e l’ineguagliabile cura che a volte l’amore infonde nelle persone che mettono da parte se stesse per rendere completo l’altro.

Pagina dopo pagina non si può fare a meno di ammirare Jane Hawking, una donna che senza rendersene conto, rende possibile “La teoria del tutto”.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!