Vincitore Premio Strega 2014 Francesco Piccolo

Ecco il vincitore dell'edizione 2014 del Premio Strega: Francesco Piccolo.
Vincitore Premio Strega 2014 Francesco Piccolo

Il vincitore del Premio Strega 2014 è Francesco Piccolo, lo scrittore casertano che è stato presentato dalla casa editrice Einaudi al Premio con il suo ultimo libro “Il desiderio di essere come tutti”.

La sua vittoria al Premio Strega 2014 è come per le precedenti edizioni, scontata. Si dice da anni che Piccolo meriti di vincere e questa volta, appena saputo della sua partecipazione al concorso, tutti hanno intuito che fosse l’edizione buona.

Certo, il suo rivale nel concorrere alla vittoria era Antonio Scurati, autore del libro “Il padre infedele”, altro scrittore che sembra intenzionato a vincere il Premio Strega da anni e che già nel 2009 per un sol voto, a favore di Tiziano Scarpa, ha visto allontanarsi in un attimo il traguardo.

Quest’anno Francesco Piccolo con “Il desiderio di essere come tutti” ha superato di soli 5 voti Antonio Scurati, che pare non aver preso bene la notizia, tanto che poco prima della fine dello spoglio, avendo intuito di non essere il vincitore, ha detto agli altri presenti al tavolo della Bompiani «Che stiamo a fare qui?».

A questo punto però il contorno non conta, né dire qualcosa sulle logiche di scelta dei vincitori, se ci sia un’influenza predominante delle case editrici, di fattori sociali o di poteri che cambiano le sorti del Premio Strega. Ciò che conta è la classifica finale:

  • Francesco Piccolo con “Il desiderio di essere come tutti” pubblicato da Einaudi vincitore del Premio Strega 2014 con 140 voti.
  • Antonio Scurati con “Il padre infedele” pubblicato da Bompiani secondo con 135 voti.
  • Antonio Pecoraro con “La vita in tempo di pace” pubblicato da Ponte alle Grazie terzo con 60 voti.
  • Giuseppe Catozzella con “Non dirmi che hai paura” pubblicato da Feltrinelli quarto.
  • Antonella Cilento con “Lisario o il piacere infinito delle donne” pubblicato da Mondadori quinta.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!