Benzina
Benzina

Recensione Libro Afrodite bacia tutti

C’è di bello che il buon cuore di Achille, alla fine, dice alla propria mente di farla finita. Di mettersi seduta all'altezza degli altri. Quando succede, la vita sembra più dolce e giusta di quanto effettivamente sia mai stata.
Jimbo - Isis e la strategia del terrore
Recensione Libro Afrodite bacia tutti

Di cosa parla Afrodite bacia tutti di Stefania Signorelli

Afrodite bacia tutti di Stefania Signorelli, pubblicato da Prospero Editore nel 2017, è una raccolta di racconti, tredici, che ruotano attorno a figure mitologiche greche riproposte in nuova chiave.

Quelle divinità così intoccabili nel loro mondo antico sono attualizzate in una contemporaneità piena di contraddizioni e novità che sconvolgono totalmente la loro vita.

Conosceremo quindi un Narciso che non solo si amerà follemente, come tutti sappiamo, ma che adora fare i selfie, perché è così che accade nell’era moderna: un essere vanitoso in modo differente.

Vedremo come la bella Afrodite passa di storia in storia e finisce per essere ripresa dai suoi amanti per essere condivisa e vista da tutti grazie ai video sexy pubblicati su un famoso portale.

Oltre

Abbiamo un Ercole che dopo il divorzio vive in un monolocale nel centro storico. Lavora in un cantiere e cerca di convincersi che le cose andranno meglio, che la felicità dipende dal suo modo di porsi, ma poi finisce da uno psichiatra che non crede alle sue parole e gli prescrive farmaci dicendogli di non preoccuparsi perché la vita passa.

Afrodite bacia tutti raccoglie storie di dei alle prese con le loro fragilità, con i propri eccessi e visioni differenti. Ma sono anche personaggi che riportati ai nostri anni, sono costretti a vivere un’esistenza simile alla nostra e quindi c’è chi non accetta la mediocrità delle persone, chi finisce in una casa di riposo, chi ha tante paure che cerca di nascondere e chi diventa un’ex vendicativa.

Afrodite bacia tutti di Stefania Signorelli parte da un’idea davvero sorprendente, diventa un libro ironico, ma che vuole mostrare come persino le divinità cambino a contatto con realtà differenti a quelle a cui sono abituati.

La modernità non sempre significa progresso, a volte ci rende schiavi, altri sottomessi, in alcuni casi ci porta all’estremo, in certe situazioni ci rende più forti.

In ogni caso la reazione delle divinità greche diventa simile a quella di noi essere umani e forse questa loro fragilità e onestà ce li rende più simpatici.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!