Un amore di poesia
Un amore di poesia

Recensione Libro Anche fare il nonno è un mestiere

In qualità di nonno mi imposi anche un regolamento da rispettare: con Principessa sarei stato sempre sincero, mantenendo ogni promessa che le avrei fatto!
Anche fare il nonno e un mestiere
Recensione Libro Anche fare il nonno è un mestiere

Prezzo: € 10,90

Di cosa parla Anche fare il nonno è un mestiere di Alvaro Collini

Pubblicato nel 2017 da Leone editore Anche fare il nonno è un mestiere di Alvaro Collini è un libro ricco di sentimenti, dolce, delicato, che ritrae perfettamente la società in cui viviamo.

Un po’ snobbati dalla massa poco pensante, in questi ultimi anni i nonni hanno subito una rivoluzione dando una nuova immagine di sé. Non più visti solidi nella loro intangibilità e inafferrabilità, i nonni sono diventati ancora di più fulcro della famiglia, ma ora anche punto di riferimento per la quotidianità.

Se non ci fossero gli anziani, le famiglie con bambini avrebbero grosse difficoltà nella gestione del tempo. I nonni sono ormai più presenti per i nipoti che non i genitori per i figli. È grazie al loro esserci costante che le famiglie riescono a portare avanti i loro compiti, soprattutto legati al lavoro, sentendo al sicuro i propri figli con i nonni.

Forse questo incipit è molto lungo e potrebbe apparire forviante rispetto a una recensione di un libro, ma se leggerete Anche fare il nonno è un mestiere di Alvaro Collini, vi renderete conto che nel racconto si parla anche di questo. Basta guardare un po’ più a fondo per cogliere tante verità.

Quello che narra Alvaro Collini nel suo libro sono aneddoti che vivono sulla propria pelle la maggior parte dei nonni e che rendono il rapporto con i loro nipoti unico.

Trama del libro Anche fare il nonno è un mestiere

Presente il primo giorno d’asilo, ai primi sguardi meravigliati davanti alla bellezza di un arcobaleno. Lì con lei, la sua Principessa, quando ha la febbre e ha bisogno di coccole… le prime esperienze importanti vissute assieme, mano nella mano lungo il percorso difficile e magnifico della vita.

Il nonno protagonista del libro c’è sempre, nei momenti di paura, come in quelli di felicità pura, in ogni caso al fianco della sua adorata nipote.

Congiura

Ciò che colpisce tanto di Anche fare il nonno è un mestiere, è la capacità dello scrittore di raccontarsi fino in fondo e trasmettere ogni emozione che ha provato al fianco della sua Principessa, toccando l’anima per la sincerità del suo amore.

Ci racconta del primo sguardo posato su di lei in ospedale, fino al primo giorno di scuola. E nel mezzo ci sono tanti altri piccoli istanti importanti che s’imprimono come un ricordo indelebile nella mente e nel cuore di questo nonno ormai in pensione che ha iniziato il suo nuovo lavoro: prendersi cura della sua Principessa.

Alvaro Collini ci spiega subito come ha avvertito la grande differenza che passa tra l’essere un padre e il diventare nonno, entrambe esperienze pervase da un amore raro, ma che presuppongono approcci diversi.

Lo scrittore ci regala i primi sorrisi della bambina, quelli che ti tolgono il respiro ogni volta, nonostante il trascorrere degli anni. Ci racconta di tutti i voli della fantasia fatti con lei, dell’essere spiazzati ogni volta dalle mille domande sulla vita tipiche dei bambini.

Commento del libro di Alvaro Collini

Anche fare il nonno è un mestiere è un libro intimo, coinvolgente, ricco di tenerezza, calore, amore, pieno di abbracci. Una storia che dovrebbero leggere i nonni, i nipoti e i genitori per capire cosa significa essere l’altro oltre che se stesso.

Per quanto personali siano le vicende narrate, c’è un’universalità di sentimenti in questo libro che non possono lasciare indifferenti e che avvolgono nel suo caldo tepore. Un bel libro…

Voglio concludere questa recensione con una citazione presa da Anche fare il nonno è un mestiere, perché sono certa che le parole di Alvaro Collini siano più convincenti delle mie e vi sproneranno a leggere questa storia d’amore.

“Se fare il nonno si riduce al solo badare ai nipotini per un tempo preciso e disinteressarsi a loro, non vedere il mondo con la loro curiosità, con i loro occhi e soprattutto non saperli ascoltare, tutta questa valigia di immensa grandezza e fortuna rimane sempre vuota.”

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!