Recensione libro “Caput Mundi” di Mauro Montacchiesi

Citazione “La notte non dormivo Vegliavo Al capezzale dei miei grandi ideali Poiché colpiti erano da tremendi mali L’amore… l’amicizia… la fratellanza Eran tutte cose per cui lottavo con costanza.”
Caput Mundi

“Caput Mundi” di Mauro Montacchiesi: Roma raccontata attraverso personaggi contemporanei

“Caput Mundi” di Mauro Montacchiesi è un altro interessante libro dell’autore, che gli amanti della Storia, della filosofia e dell’arte dovrebbero leggere.

Insieme a “Toscana Omaggio a San Vittore” e “Napule è Napule”, “Caput Mundi” farà parte di un unico tomo, di cui presto sentirete parlare.

In questo libro Montacchiesi raccoglie informazioni, poesie e riflessioni su personaggi storici nati a Roma o collegati alla Città Eterna. I personaggi non sono tutti esistiti, alcuni sono di fantasia.

In quest’opera lo scrittore è capace di mostrare le sue capacità non solo di saggista, ma anche di poeta e scrittore. È in grado di portare l’attenzione non solo su Roma, ma su ciò che la rende tra le città più belle e affascinanti.

Attraverso i suoi racconti, i pensieri, le notizie, gli approfondimenti, le note biografiche e tanta ricerca, Montacchiesi ci presenta i personaggi di cui parla facendoceli conoscere in modo approfondito.

In “Caput Mundi” a differenza dei libri “Toscana Omaggio a San Vittore” e “Napule è Napule” c’è tanta poesia, ognuna delle quali è legata a un concetto, un’idea di partenza, una sensazione che poi si sviluppa.

Nulla è lasciato al caso. Tutto ciò che fa Mauro Montacchiesi è mosso dall’intelletto, ma poi la testa viene sovrastata dal cuore dando vita a ciò che leggerete dello scrittore.

Commento libro

“Caput Mundi” è una sorta di guida nel mondo romano, un’opera che va letta e valutata assaporandone ogni pagina, incontrando ogni personaggio avendo come la possibilità di guardarlo negli occhi. E poi ci si può immergere talmente in questa lettura da avere la sensazione di camminare tra le strade di Roma, sui sampietrini e tornare indietro nel tempo. Ci dà questa sensazione come di un tuffo nel passato anche quando i personaggi di cui racconta lo scrittore sono contemporanei.

Condividi che fa bene

Recensione scritta da

Redazione - Recensione Libro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.