Piano Concerto Schumann
Piano Concerto Schumann

Recensione Libro “Confesso che ho viaggiato”

Riconobbi in Hermann il Melville di Moby Dick e l'uomo accanto a lui altri non era che Jack London, venuto fin qui sessant'anni dopo solo per incontrare i luoghi sui quali aveva fantasticato da ragazzo.
Il Pasticcio
Recensione Libro “Confesso che ho viaggiato”

Prezzo: € 14,00

Di cosa parla “Confesso che ho viaggiato” di Pier Vincenzo Zoli

Quello di Pier Vincenzo Zoli dal titolo “Confesso che ho viaggiato” è un libro sul viaggio e le avventure.

L’autore durante i suoi tanti anni di esperienza giornalistica ha percorso chilometri, incontrato popoli diversi, si è confrontato con loro e ha scoperto qualcosa in più di se stesso.

Nel libro “Confesso che ho viaggiato” Pier Vincenzo Zoli non vuole presentarci una narrazione comune, in cui a ogni luogo corrisponde una storia, ma trovare i legami e le differenze che intercorrono tra i posti e le persone.

La manovra

Per quanto a volte i luoghi siano lontani chilometri gli uni dagli altri, per quanto ci sia una distanza culturale e sociale abissale, esistono delle similitudini, qualcosa che li accomuna per tradizioni, idee, paesaggi e persino tradizioni.

“Confesso che ho viaggiato” è un percorso segnato da sensazioni ed emozioni, che si fondono dando vita alla conoscenza. Lungo il tragitto si fa la conoscenza di uomini differenti da quelli a cui siamo abituati, ci si perde in paesaggi poetici che ci rimandano a immagini delle fiabe.

Raccontare del mondo solo attraverso le parole sarebbe riduttivo, infatti Pier Vincenzo Zoli nel suo libro lo fa usando le sue emozioni.

Il sentiero dei figli orfani

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.