Recensione Libro “Dialoghi con l’aldilà”

Citazione “Non stancatevi mai di provare e di sperimentare, ma siate sempre obiettivi e non perdete nemmeno il contatto con la realtà in cui viviamo.”
Compra su amazon.it

Di cosa parla “Dialoghi con l’aldilà” di Fabio Varrone

Lo scrittore emergente Fabio Varrone nel suo libro “Dialoghi con l’aldilà” conduce il lettore a incontrare delle presenze dell’aldilà.

Come lo stesso Varrone scrive nell’introduzione della sua trilogia “Dialoghi di pace”, “Invisibile realtà” e “Saggio sullo spiritismo e sul mondo del trascendentale”, questo libro vuole dare una “testimonianza su un mondo affascinante che nasconde molte verità ma anche misteri da scoprire”.

“Dialoghi sull’aldilà” è stato scritto dal 2005 al 2009 e nel libro sono presenti delle fotografie scattate da Fabio Varrone per catturare le presenze misteriose. Lo scrittore raccoglie le esperienze più rilevanti che ha fatto, mostrandoci attraverso la psicofonia e le sue testimonianze, la presenza di fantasmi.

“Dialoghi sull’aldilà” nasce in seguito alla morte della nonna di Fabio Varrone, a cui era molto legato. La sua scomparsa ha portato lo scrittore a un senso di vuoto che non riusciva a colmare, una depressione da cui non riusciva a guarire. Così un giorno ha cercato su internet le voci degli spiriti, nonostante fino ad allora lui avesse creduto che queste cose fossero solo fandonie. Durante quella ricerca è incappato nel sito di Virgilio e Danila Desideri, che parlavano di comunicazione con i defunti.

Varrone, che continuava a non credere in questa possibilità, scrive una mail a Virgilio spiegandogli le sue perplessità. Lo scambio di mail è andato avanti per un anno, fino a quando Virgilio non ha invitato Fabio Varrone a vedere di persona come avvengono questi contatti.

L’esperienza con l’aldilà per lo scrittore comincia in questo modo, e attraverso i suoi studi ed esperimenti è stato condotto a proseguire il suo percorso e a raccogliere testimonianze della presenza di fantasmi.

“Dialoghi sull’aldià” è un libro che mostra il punto di vista dello scrittore Fabio Varrone, ma lo fa utilizzando fotografie e raccontando la propria esperienza basata su registrazioni e contatti diretti. È giusto crederci, come è giusto dubitare, l’importante è aprire la mente e avere una propria opinione.

Condividi che fa bene

Recensione scritta da

Redazione - Recensione Libro.it