'Progemalos
'Progemalos

È quello che ti meriti di Barbara Frandino: recensione libro

Le vite segrete si annidano nei piccoli particolari.
È quello che ti meriti di Barbara Frandino: recensione libro

Prezzo: € 16,00

Trama romanzo e recensione libro È quello che ti meriti di Barbara Frandino

È quello che ti meriti della giornalista, sceneggiatrice e produttrice Barbara Frandino è un romanzo di un’intensità unica. Libro pubblicato nel 2020 dalla casa editrice Einaudi, primo romanzo dell’autrice dopo due libri per ragazzi.

Può un amore essere così totalizzante anche quando ormai quel sentimento così puro si è trasformato in odio?

Penso che per comprendere la forza, la passione e l’intenzione di questo romanzo si debba partire proprio da questa domanda.

Recensione libro È quello che ti meriti di Barbara Frandino

Claudia e Antonio si sono amati, hanno provato un’esigenza irrefrenabile di aversi accanto, addosso, in ogni istante e a ogni sguardo. Poi, però, il silenzio ha preso più spazio delle parole, gli occhi sono diventati distanti, buchi neri che non si riuscivano più a interpretare.

Forse è stata la distanza di corpi, l’essere lontani dal pensiero dell’altro a creare la crepa in cui si è inserita un’amante. Una presenza che scalfisce giorno dopo giorno, che lentamente saccheggia il loro rapporto fino a distruggerlo.
L’unica scelta possibile è lasciarsi, ma per quanto questa sia evidente nella sua verità, i due non riescono a fare a meno di questa relazione.

L’umiliazione di essere stata sostituita nei sentimenti non basta a scalfire il rapporto, nonostante logori incessantemente. E dall’altra parte c’è un uomo che non sa staccarsi, non sa limitare il danno che ha creato.

Ma di chi sono veramente le responsabilità? Chi ha la colpa? Cosa si è perso durante il cammino? Quali segreti si nascondono in questa relazione in bilico, che non decolla più, ma non si arrende alla caduta?

Il libro È quello che ti meriti inizia con la caduta di Antonio che si trovava su una scala appoggiata a un albero. Lei è lì, non fa nulla per aiutarlo e quando dopo un po’ di tempo, chiama i soccorsi, Claudia non va con lui in ospedale. Si occupa prima della casa, poi esce, va al bar. E da lì inizia il flusso di coscienza, l’analisi interiore della protagonista, che si racconta, si guarda dentro.

Basnewende

È tale la delusione che ha provato, tanta l’umiliazione, numerose le ferite inferte da questo amore finito ma ancora presente, che non riesce davvero a prendersi cura di lui.

Sempre più distanti quando lui torna a casa dopo l’infarto, i due continuano a ferirsi con l’assenza d’amore e una presenza sempre più ingombrante: il dolore.

“Lei dice che ognuno di noi ha sistemi di autodifesa che modulano il ricordo del dolore e, se necessario, lo rimuovono. In pratica dice che dimentichiamo per poter sopravvivere… Conoscere che cosa ci ha reso quello che siamo fa la differenza tra sopravvivere e vivere come ci pare.”

Commento libro di Barbara Frandino

La scrittrice Barbara Frandino sa scrivere, non c’è dubbio, e lo fa mettendoci l’anima, dando enfasi anche quando le frasi sono sussurrate, quasi trascurate.

La recensione di questo libro è riduttiva, poiché non può esprimere tutta la complessità di emozioni che vive la protagonista. Una donna ferita, soggiogata, anche un po’ piegata dagli eventi, ma non arresa. Una donna che in fondo vuole capire quale sia il confine che, non essendo ben marcato, non riesce a separare la necessità di avere ancora quella persona accanto, dal bisogno di poterne fare a meno senza riuscirci.

Nel libro È quello che ti meriti ciò che è evidente dalle prime pagine è il duello che si complica sempre più tra razionalità e ciò che si prova. Tra ciò che evidente e ciò che non si capisce fino in fondo.

Barbara Frandino è riuscita a scrivere un libro maturo, spietatamente vero, in cui a parlare sono i sentimenti contraddittori, in bilico tra la ragione e il sentimento.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.