Recensione libro Figlie del mare

Citazione “Avevi paura che la strada della vita o della morte fosse arrivata, così te ne sei andata senza nemmeno dirmelo.”
Figlie del mare
Compra su amazon.it
Prezzo: € 18,60

Trama e recensione del libro Figlie del mare di Mary Lynn Bracht

Figlie del mare, pubblicato dalla casa editrice Longanesi è ambientato nel 1943 sull’isola di Jeju in Corea. Le forze di occupazione dell’esercito imperiale giapponese controllano il territorio. Hana, la sorellina Emi e la loro madre si recano furtivamente in spiaggia ogni mattina.

Sono delle haenyeo, donne del mare, lavorano autonomamente, si immergono nelle profondità del mare per raccogliere cozze, alghe, polpi e qualsiasi altro mollusco su cui riescono a mettere le mani.

Sono donne forti, indipendenti, autosufficienti. Sono addestrate a diventare haenyeo sin da piccole, proprio come ogni generazione di donne coreane dell’isola prima di loro.

È un onore per Hana ed Emi seguire le orme delle loro antenate. Nel romanzo Figlie del mare di Mary Lynn Bracht il vero protagonista, da un lato, è il mare. Narrato nella sua bellezza attraverso le immersioni delle due ragazze. Dall’altro lato, però, il romanzo è testimonianza della cattiveria e della brutalità del regime giapponese in Corea.

L’autrice Mary Lynn Bracht denuncia i crimini perpetrati dall’esercito soprattutto nei confronti delle donne. Simbolico in questo senso è l’episodio narrato nelle prime pagine quando Hana, sette anni più grande di Emi, la nasconde e la difende da un soldato giapponese, e viene rapita.
Lei non ha idea di dove sarà portata ma le riecheggiano nella mente le parole della madre: “Loro non devono mai vedervi! E soprattutto, non fatevi mai trovare sole con uno di loro!”

Quello che segue è la storia di Hana, simile a molte migliaia di giovani donne coreane prese e portata a servire i giapponesi e a essere “donne di conforto e compagnia”.

Il romanzo di Mary Lynn Bracht è raccontato alternando la straziante storia di torture e abusi subiti da Hana – e il dolore devastante della sorellina Emi per averla persa – e la determinazione a ritrovarla, cercandola per oltre cinquant’anni.

Commento del libro Figlie del mare

Figlie del mare è una storia emozionante, coinvolgente, avvincente. Mary Lynn Bracht ha dato voce alle oltre 200.000 presunte donne che sono state strappate dalle loro case, violentate, brutalizzate per anni e anni dal regime giapponese in Corea.

Le loro storie – quasi mai raccontate per pudore, per paura e soprattutto perché la maggior parte di loro non sono sopravvissute e le loro famiglie non hanno mai saputo che fine hanno fatto, – trovano con questo romanzo finalmente giustizia.

White Chrysanthemum, titolo originale di quest’incantevole e al contempo spietato romanzo di Mary Lynn Bracht per l’argomento trattato, va letto e apprezzato per onorare le donne haenyeo che hanno perso la loro dignità, la loro vita il loro futuro.

Recensione libro scritta da Milena Privitera

Condividi che fa bene

Recensione scritta da

Milena Privitera

Presentazione Milena Privitera Leggere è la mia prima passione. Scrivere la seconda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.