Gemini di Omar Costenaro: recensione libro

Una forza misteriosa lo colpì con violenza al volto facendolo sobbalzare dall’altra parte senza tuttavia farlo cadere, la sedia in acciaio in cui sedeva, incatenato e imprigionato, era infatti saldata al terreno. Rimase disorientato per almeno un altro minuto, poi il quadro della situazione divenne chiaro, come se si fosse appena ridestato da un lungo sonno.
Gemini di Omar Costenaro: recensione libro

Trama, recensione e commento libro Gemini di Omar Costenaro

Omar Costenaro è autore di Gemini. Si tratta di un giovane autore che a soli sedici anni ha scritto il suo primo romanzo fantasy, traendo ispirazione dai personaggi, i luoghi, le magie, gli incantesimi dei suoi romanzi preferiti.

Nasce così Gemini, un mondo post bellico dove tre ragazzini, fratelli gemelli, lottano per la sopravvivenza.

Trama romanzo Gemini di Omar Costenaro

Il romanzo è ambientato in un luogo inventato che potrebbe essere la terra o qualsiasi altro ipotetico pianeta in uno scorrere temporaneo che attraversa presente, passato e futuro non in maniera cronologica.

Il libro si apre con una legenda che spiega i capitoli e i loro titoli, un sistema di date, che ci guida in un viaggio magico, intrigante, a volte complesso, nel romanzo.

I tre protagonisti principali sono Jake, Andy e Luke ma la trama non si potrebbe sviluppare bene intorno il nodo principale “la magia” senza Syter lo stregone e Ologold, il suo migliore allievo.

Kant a Reggio

Su loro aleggia un’aria di mistero per cui anche se sono personaggi ben delineati ci spiazzano sempre, poiché l’autore volutamente non ci racconta sempre tutto.

D’altronde Gemini è un romanzo che spiega, mostra, esalta la magia, in particolare quelle capacità incredibili, possenti, uniche che scaturiscono dai quattro elementi: naturali, aria, acqua, terra e fuoco.

Commento libro di Omar Costenaro

La storia è affascinante ed è scritta bene, in maniera cinematografica, un susseguirsi di scene che ti coinvolgono in una serie di battaglie, tranelli, situazioni strane e impossibili non sempre risolvibili e/o chiare.

La magia si può cercare, trovare, salvare come ha fatto Costenaro con questo suo romanzo ma non si può certo spiegare a parole.

Due i piani di lettura: quello fantastico-avventuroso e quello distopico. Nel primo caso gli elementi del fantasy ci sono tutti, proprio tutti: il mito, il soprannaturale, l’immaginario, il surreale e la magia su tutti. Nel secondo caso solo l’atmosfera fredda, a volte distorta e disumana ci riporta a Orwell o Huxley.

Un romanzo che stilisticamente mostra la giovane età dell’autore, ma che va letto poiché è una storia affascinante e emozionante.

Recensione libro di Milena Privitera

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.